Carattere

Saracinesche abbassate e più di 200 persone in strada a gridare il proprio dissenso contro le scelte dell’amministrazione comunale. Nel primo pomeriggio incontro interlocutorio a Palazzo Luigi Razza

La manifestazione promossa a Vibo Marina
Cronaca

Saracinesche abbassate e attività chiuse. Ecco come si è risvegliata Vibo Marina. Teatro di una forte protesta di associazioni, commercianti e cittadini. Sono arrabbiati, stanchi dei disservizi e dello stato di abbandono di cui si sentono vittime. Ad aggravare una situazione già “insopportabile”, l’introduzione dei parcheggi a pagamento. Quelle “strisce blu” disseminate in lungo e largo davanti a scuole, farmacie, attività commerciali e che in poche settimane hanno fatto già registrare un forte calo delle vendite.  

Più di 200 le persone riunitesi nel piazzale antistante la Chiesa nuova, in via Senatore Parodi per la manifestazione pubblica organizzata dalle associazioni “Stella Polare”, “Attivamente” e Pro Loco che ha previsto la serrata di un'ora delle attività commerciali. E qualcosa ha cominciato a muoversi. Subito dopo la protesta, infatti, alcuni rappresentati di cittadini e associazioni di Vibo Marina sono stati convocati in Comune per un confronto in cui si è registrata una piccola apertura da parte dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Elio Costa. Segnale, tuttavia, che Vibo Marina ed i suoi abitanti pretendono venga messo nero su bianco andando incontro alle esigenze emerse durante il colloquio. 

LEGGI ANCHE:

Tra negozi in crisi e buche per strada, le strisce blu a Vibo scontentano tutti (VIDEO)

Strisce “da bianche a blu” a Vibo, per l’azienda si è trattato del «gesto di un burlone» (VIDEO)

Strisce blu a Vibo, la “San Luca” ribadisce i termini del servizio: «Ecco cos’è utile sapere»

Strisce blu a Vibo, la saga dei malumori continua (VIDEO)

 

Seguici su Facebook