Mileto, al via la ventesima edizione del Concorso di poesia rivolto agli studenti

Organizzata dal maestro Lino Bulzomì, la rassegna è riservata ai “giovani poeti” delle scuole elementari, medie e superiori di tutto il Vibonese 

Organizzata dal maestro Lino Bulzomì, la rassegna è riservata ai “giovani poeti” delle scuole elementari, medie e superiori di tutto il Vibonese 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È partita la macchina organizzativa della XX edizione del “Concorso di Poesia Miletese” organizzato annualmente dal maestro di poesia dialettale Lino Bulzomì. La rassegna è riservata ai “giovani poeti” delle scuole elementari, medie e superiori attive sul territorio della provincia di Vibo Valentia, pronti anche quest’anno a proporre numerosi i loro componimenti all’apposita commissione giudicante. Tre le sezioni in cui anche in questa edizione 2018 è diviso il premio: la “A” riservata agli alunni degli istituti elementari, la “B” a quelli delle medie e la “C”, infine, agli studenti frequentanti le scuole superiori. Ogni partecipante dovrà presentare una sua poesia, in lingua o vernacolo e a tema libero, in tre copie dattiloscritte. 

Informazione pubblicitaria

Una sola di queste copie dovrà riportare la firma dell’autore, con tanto del nome della classe, dell’istituto di frequenza e del rispettivo recapito telefonico. Ogni singolo componimento dovrà essere inviato o fatto recapitare a mano e in busta chiusa all’indirizzo: “XX Concorso di Poesia Dialettale Miletese” c/o professore Lino Bulzomì via Nicola Lombardi, 48, 89852, Mileto. Per ogni sezione in cui è diviso il concorso saranno premiati sei alunni. Il termine per la presentazione delle poesie scade il prossimo 14 aprile. La cerimonia di premiazione, anche in questa edizione, si terrà nella Sala conferenze “Monsignor Vincenzo De Chiara” ubicata all’interno del seminario vescovile. Rimane ancora da stabilire la data che, comunque, sarà comunicata a tempo debito a tutti i partecipanti. Quest’anno, un riconoscimento speciale sarà assegnato dagli organizzatori in memoria della professoressa Rosalba Scorza.