domenica,Luglio 25 2021

“Il veleno della mafie” da Natale De Grazia a Soumayla Sacko, iniziativa di Libera a Vibo

Al centro dell’evento che sarà ospitato al Parco delle rimembranze gli affari illeciti che ruotano attorno allo smaltimento dei rifiuti. Prevista la proiezione di un docufilm sul tema  

“Il veleno della mafie” da Natale De Grazia a Soumayla Sacko, iniziativa di Libera a Vibo

«Dall’omicidio del Capitano di Marina Natale De Grazia a quello del giovane sindacalista maliano Sacko Soumayla; storie di vittime innocenti legate dalla voglia sfrenata di “non uomini” senza scrupoli di fare affari smaltendo illegalmente tonnellate e tonnellate di veleni. La ‘ndrangheta ha già da tempo fiutato l’affare dei rifiuti, una gallina dalle uova d’oro che ha consentito alla criminalità organizzata di trarre ingenti profitti trovando, a loro modo, delle “soluzioni” per lo smaltimento degli scarti di lavorazione di grandi stabilimenti industriali, a volte interrati, addirittura, vicino ad una scuola elementare oppure affondati in mare. La Calabria è terra di veleni nascosti e dimenticati, varie indagini e dichiarazioni di pentiti sembrerebbero confermare la presenza di una Terra dei fuochi anche nella nostra regione». Ruoterà attorno a questi temi l’iniziativa, organizzata dal coordinamento di Libera Vibo Valentia, dai circoli di Ricadi e Vibo Valentia di Legambiente e dall’associazione Valentia, che si terrà lunedì 6 agosto, alle ore 19.30, al Parco delle Rimembranze di Vibo Valentia. «Una particolare attenzione, e non solo – si legge in una nota di presentazione -, richiede la situazione del territorio vibonese secondo quanto emerso dai verbali desecretati del Sisde, in riferimento al possibile inquinamento da fusti radioattivi di alcune aree della provincia, oppure in considerazione del caso della “Fornace Tranquilla”, nel comune di San Calogero, una fabbrica dismessa dove sono stati interrati tonnellate di rifiuti tossici provenienti dalle centrali Enel a carbone della Puglia e della Sicilia che ne fanno, secondo le indagini, la discarica più pericolosa d’Europa». Il programma prevede la proiezione del docu-film “Il veleno della mafia e la legge europea del silenzio”, scritto e diretto dal giornalista Christian Gramstadt, con la collaborazione di Sandro Mattioli, un documentario d’inchiesta, di produzione franco-tedesca, sulle storie di ecomafia che riguardano la Calabria e le coraggiose lotte per la difesa del territorio e la ricerca di verità e giustizia.

 

top