Polia, presentata la sedicesima edizione del calendario artistico

Si è rinnovato anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento che vede coinvolti artisti e poeti locali.

Si è rinnovato anche quest’anno l’ormai tradizionale appuntamento che vede coinvolti artisti e poeti locali.

Informazione pubblicitaria
La sala gremita per l'evento
Informazione pubblicitaria

Si è rinnovato anche quest’anno il tradizionale appuntamento con la presentazione del calendario artistico poliese, con una manifestazione voluta dall’Amministrazione comunale di Polia, alla presenza del vicesindaco e assessore alla Cultura, Domenico Amoroso, che ha condotto la serata, e del consigliere delegato alle Politiche sociali, Marilisa Pizzonia.

Informazione pubblicitaria

«Il calendario artistico, giunto alla sedicesima edizione – ha dichiarato Amoroso -, costituisce un momento di promozione culturale del territorio particolarmente significativo in quanto, annualmente e con temi differenti, esalta le peculiarità del nostro Comune, attraverso la pubblicazione di immagini sempre nuove e suggestive».

A comporre l’edizione di quest’anno sei poesie di autori locali che decantano le bellezze del paese. Si tratta dei versi di Bruno Chiaravalloti, Angelo Galati, Carmelo Pujia, Giuseppe Celli, Vito Truglia ed Anna Alfano, raccolti a completamento di «un percorso intitolato “Polia nel cuore” e legato al profondo sentimento di identità e di affetto che ognuno dei cittadini nutre verso il proprio paese».

Ancora, «sei immagini per pagina che vanno dal bosco Montagna al museo Gaccetta, dalla stele realizzata dal maestro Giuseppe Farina al pranzo con gli anziani, in un mix di colori che ravviva il tutto rendendolo ancora più gradevole ed interessante».

Nel corso della manifestazione, sono arrivate le congratulazioni dall’Amministrazione comunale alla giovane Francesca Diodato, studentessa liceale, che nei mesi scorsi ha partecipato al ventisettesimo Premio nazionale letterario d’arte e cultura indetto dall’Accademia Giuseppe Gioachino Belli, ottenendo, nella sala protomoteca del Comune di Roma, il quinto premio per la redazione di un interessante articolo giornalistico. La serata si è conclusa con una tombolata che ha coinvolto giovani e meno giovani.