Successo a Monterosso Calabro per la rassegna Concerto per Maria

I maestri Domenico e Rocco Bellissimo ridanno vita e fiato allo storico organo Tamburelli del 1858

I maestri Domenico e Rocco Bellissimo ridanno vita e fiato allo storico organo Tamburelli del 1858

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Pubblico delle grandi occasioni, artisti di spessore, musiche del meglio della tradizione mariana, palcoscenici e strumenti unici. Sono questi i “segreti” del successo della rassegna “Concerto per Maria”, giunta quest’anno alla terza edizione e svoltasi nella chiesa del Santissimo Rosario di Monterosso Calabro. Organizzato dall’omonima confraternita guidata dal priore Vittorio Pittella, il concerto, presentato in ogni sua fase da Lionella Morano, ha permesso di ridare vita e fiato allo storico organo “Tamburelli” del 1858, rimesso in funzione qualche anno fa. A dargli “voce”, i due maestri Domenico e Rocco Bellissimo. Per l’occasione, lo spazio a disposizione del pubblico è stato ampliato nella piazza antistante alla chiesa, divenuta teatro all’aperto appositamente allestito e amplificato. Il programma del “Concerto per Maria”, rigorosamente liturgico, ha previsto la proposizione di pezzi originali di compositori di fama mondiale quali, Zipoli, Frescobaldi, Pasquini, Pachelbel, J.S. Bach, Brechtsberger e Valery, scritti per il modello di organo antico presente anche nel complesso sacro del Santissimo Rosario di Monterosso. Il pubblico ha partecipato al concerto con attenzione e certosino silenzio, non facendo tuttavia mancare agli artisti, che si sono alternati nelle esecuzioni, calorosi applausi finali. La serata all’insegna della musica d’autore dedicata a Maria si è conclusa con il classico bis concesso dai due maestri d’organo e i saluti del priore e del parroco don Oreste Borelli, i quali non hanno mancato di ringraziare il vescovo Luigi Renzo per le autorizzazioni date, necessarie allo svolgimento della rassegna estiva. 

Informazione pubblicitaria