Polo enogastronomico e culturale al Castello Galluppi, al via lo studio

A Caria di Drapia saranno recuperate le ex scuderie ed il giardino del complesso monumentale. Prevista una spesa per quasi 900mila euro

A Caria di Drapia saranno recuperate le ex scuderie ed il giardino del complesso monumentale. Prevista una spesa per quasi 900mila euro

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Approvato dalla giunta comunale di Drapia, guidata dal sindaco Antonio Vita, lo studio di fattibilità degli interventi relativi alla creazione di un polo culturale ed enogastronomico, con il recupero delle ex scuderie e del giardino a servizio del complesso monumentale denominato Castello Galluppi, con la riqualificazione degli spazi pubblici comunali da adibire ad esposizione dei prodotti di eccellenza del territorio. Lo studio di fattibilità è stato predisposto dall’architetto Gabriele Crisafio, responsabile dell’ufficio tecnico comunale per un costo complessivo di 870.959,53 euro. Gli interventi si articoleranno in quattro “tappe” , mentre il progetto è finanziato con le risorse a valere sull’avviso pubblico “Borghi di Calabria” approvato dalla Regione e finalizzato alla valorizzazione e alla promozione turistico culturale dei borghi calabresi, ricchi di testimonianze del passato e custodi della storia, delle tradizioni e dell’identità del territorio. Un avviso rivolto ai Comuni e che mira a stimolare le proposte progettuali provenienti direttamente dai territori interessati. Per la realizzazione del progetto del polo culturale ed enogastronomico di Drapia, è stato individuato come rup l’ingegnere Antonino Di Carlo, dipendente in servizio all’ufficio tecnico comunale.

Informazione pubblicitaria