Carattere

L’incontro, oltre alla relazione dell’avvocato Diego Brancia e la partecipazione di altri penalisti, vedrà la partecipazione del pm della Dda di Catanzaro Annamaria Frustaci 

Cultura

Tutto pronto nella sala “Murmura” della Camera di Commercio di Vibo Valentia dove sabato gli avvocati calabresi si incontreranno per discutere sul tema delle modifiche al codice antimafia ed il controllo giudiziario delle aziende tra prospettiva di salvataggio dell’impresa ed esigenza di completamento dell’appalto. Il convegno è promosso dalla sezione Aiga di Vibo Valentia con il patrocinio dell’Ordine degli avvocati vibonesi che vedrà la partecipazione di figure note del mondo forense. Ad aprire i lavori, il presidente della sezione Aiga Vibo, Caterina Giuliano, cui seguiranno i saluti del coordinatore regionale Aiga, Andrea Parisi, nonché del presidente del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Vibo, Giuseppe Altieri. A relazionare sarà l’avvocato penalista vibonese Diego Brancia, che porrà l’attenzione sul tema del controllo giudiziario alla luce delle modifiche del codice antimafia. L’incontro vedrà anche la partecipazione del pm della Dda di Catanzaro, delegata per le inchieste sul territorio vibonese, Annamaria Frustaci. Il sostituto procuratore antimafia relazionerà sul tema delle misure patrimoniali diverse dal sequestro e dalla confisca, soffermandosi in particolare sulla ratio delle misure previste dall’art. 34 bis del D.Lgs 159/2011. L’evento, accreditato dal consiglio dell’Ordine degli avvocati di Vibo Valentia con l’attribuzione di tre crediti formativi, sarà moderato da Michele Vaira, penalista del foro di Foggia e già presidente nazionale dell’Aiga. L’iniziativa ha quindi anche l’obiettivo di offrire un contributo per la formazione professionale continua degli avvocati, con spunti riflessivi di pratica applicazione nell’ambito della materia penale. 

 

 

Seguici su Facebook