A palazzo Santa Chiara la presentazione del progetto Video Guida Lis

L'incontro rientra in una serie di eventi organizzati in occasione del cinquantesimo anniversario dell’istituzione del del Museo archeologico statale di Vibo Valentia

L'incontro rientra in una serie di eventi organizzati in occasione del cinquantesimo anniversario dell’istituzione del del Museo archeologico statale di Vibo Valentia

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nel cinquantesimo anniversario dell’istituzione del Museo archeologico statale di Vibo Valentia, intitolato a Vito Capialbi, viene presentato il progetto per l’abbattimento delle barriere sensoriali dell’udito con l’applicazione Video guida Lis. Il Museo Archeologico Statale intitolato a Vito Capialbi nasce il 6 luglio 1969, grazie all’impegno congiunto tra la Soprintendenza alle Antichità della Calabria, diretta da Giuseppe Foti, il Lions club cittadino (presidente all’epoca Vincenzo Nusdeo), e il Comune di Vibo Valentia con sindaco Giuseppe De Raffele, e veniva inaugurato nel prestigioso Palazzo Gagliardi. Quest’anno, pertanto, ricorre il 50esimo anniversario dell’istituzione di quello che poi, in anni recenti, è diventato il Museo archeologico nazionale. Per ribadire a tutti il ruolo di presidio importante  per la cultura, l’archeologa Maria D’Andrea e Gilberto Floriani, direttore scientifico del Sbv, hanno pensato di organizzare – in collaborazione con numerose associazioni culturali cittadine – una serie di eventi, incontri scientifici, convegni e mostre per tutto l’anno al fine di porre al centro dell’attenzione il Museo ed il ruolo che svolge in città e nel territorio. Il primo degli eventi prevede la presentazione del progetto per la realizzazione di una Web-App Video guida Lis, nella Lingua dei Segni italiana, il 31 gennaio alle 17.00 a Palazzo Santa Chiara, avente come oggetto la descrizione generale dell’esposizione del Museo archeologico nazionale di Vibo Valentia, oggi ospitato nel castello, che nei cinquant’anni di vita si è arricchito ulteriormente di reperti che richiamano un pubblico sempre più interessato e numeroso. Tale innovativo strumento di divulgazione è stato fortemente voluto dalla senatrice del Movimento Cinque Stelle, Margherita Corrado, nel suo ruolo di componente della Commissione Cultura del Senato, avendone già sperimentato la validità in altre sedi. La realizzazione sarà curata dalla digi.Art di Rosanna Pesce, azienda specializzata nella fornitura di servizi digitali per l’arte e i beni culturali, mentre i testi saranno redatti da Maria D’Andrea. Pertanto giovedì 31 gennaio, il progetto sarà illustrato a Palazzo Santa Chiara, sede del Sistema bibliotecario vibonese. 

Informazione pubblicitaria