Giovani protagonisti a Zambrone nel cantiere dell’associazione “Costa degli Dei”

A tenere a battesimo il nuovo sodalizio, collegato all’Associazione Valentia, una partecipata presentazione pubblica incentrata sui temi del turismo

A tenere a battesimo il nuovo sodalizio, collegato all’Associazione Valentia, una partecipata presentazione pubblica incentrata sui temi del turismo

Informazione pubblicitaria
Il battesimo dell'associazione
Informazione pubblicitaria

Ha preso il via con una presentazione pubblica il progetto “Cantiere giovani a Zambrone”, avviato contestualmente alla presentazione dell’associazione “Costa degli Dei”, alla presenza del sindaco Corrado L’Andolina, dei componenti dell’amministrazione comunale, del parroco don Gregorio Grande, del giornalista ed economista Antonio Grillo, del presidente Francesco Grillo coadiuvato da Francesco Chilà, Giuseppe Belluso, Giuseppe Piccolo, Antonio Giannini, Giuseppe Pugliese, Antonio Tripodi, Luigi Giannini, Antonio Chilà, Pietro Vecchio, Simone Tripodi e di numerosi cittadini. «La presentazione – si legge in un comunicato stampa – ha subito interessato tutti, grazie a una accurata analisi del territorio regalataci dalla meravigliosa ricerca-studio del neo presidente dell’Associazione. Grillo nella sua relazione si è soffermato sulla galassia del turismo, che è per Zambrone e la Costa degli Dei il volano del benessere. Parlando di sviluppo dei servizi, Grillo ha evidenziato l’importanza della necessità di una seria politica d’investimenti intelligenti avviati dal Pubblico in tutta Italia per la famiglia, la sicurezza, l’istruzione, il lavoro e la sanità. Una certa urgenza d’intervento dovrebbe mirare a migliorare i trasporti, aerei, ferroviari, su gomma e marittimi, soprattutto se si vuole facilitare l’arrivo di utenza turistica di qualità». Gli interventi sono stati numerosi. Tra questi quello di Anthony Lo Bianco, presidente dell’Associazione “madre” Valentia: «È splendido vedere quanti giovani siano stanchi dell’immobilismo presente sul nostro territorio e si appassionino al progetto totalmente improntato sul fare. Appare evidente che per ridare alle nostre città un’impronta più giovanile abbiamo bisogno dell’entusiasmo di tutti». Il sindaco L’Andolina «ha rimarcato nel corso del suo intervento l’importanza di puntare a un turismo di qualità. Il parroco don Gregorio Grande, poi, ha toccato tutti i temi socio-economici-politici del territorio e, concentrandosi sull’importanza del ruolo della famiglia nella nostra società, ha chiuso il suo intervento sottolineando il bisogno della vicinanza religiosa al fianco dei giovani e delle loro famiglie formando così sinergia tra tutti».

Informazione pubblicitaria