Carattere

Il fotografo vibonese ha inaugurato nei giorni scorsi una mostra nell’area urbana di Girona. Al centro delle sue opere i «simboli di una Calabria sopravvissuti all'apocalisse culturale della società dei consumi»

Una delle opera più famose di Montepaone
Cultura

Continua a mietere successi oltre confine, grazie alle sue opere espressive e senza tempo che gli hanno fatto guadagnare l’interesse di pubblico e critica, il fotografo vibonese Raffaele Montepaone. Dopo le numerose esposizioni che l’hanno visto protagonista in Italia e in Francia, il talentuoso artista ha da pochi giorni inaugurato, all’interno del centro culturale Les Berndardes, a Salt, centro dell’area urbana di Girona in Spagna, la mostra “Vida” ospitata nell’ambito di un ciclo dedicato “al paesaggio e alle forme dell’Arco mediterraneo”. Rassegna nella quale saranno presenti anche l'artista Victoria Rabal e gli architetti Daniela Colafranceschi e Martí Franch. «Il prestigioso fotografo italiano - si legge nella presentazione della mostra - ritrae una realtà alternativa, che supererà il modernismo e forse addirittura lo ridicolizzerà. “Vida” consiste in due serie di opere: volti e mani. I volti e le mani increspati dal tempo e dal duro lavoro, gli antichi abitanti di villaggi abbandonati che sembrano immersi in un passato immemore sono i protagonisti del progetto. Sono calabresi centenari, figure mitiche, lontane da oggi, lontane dallo spettatore che non fa che aumentare la distanza con la visione monocromatica dell'autore. La vita è un record storico personale, un simbolo della Calabria che è sopravvissuto all'apocalisse culturale della società dei consumi. È, allo stesso tempo, un mondo severo e romantico pieno di simbolismo, un mondo che rimane nel tempo e in cui il ritmo della vita è determinato esclusivamente dalla natura». E, ancora, “Vida” è «un avvertimento per le nuove generazioni, un invito a mettere in pausa e riscoprire il valore e la grandezza delle piccole cose, ascoltare e osservare suoni e colori da lontano. “Vida” offre un silenzioso ma potente messaggio di resilienza e spirito; è chiaramente opposto ai valori caotici della società moderna che genera giovani belli e affascinanti, con corpi forti ma fragili nei loro spiriti». La mostra, inaugurata l’8 marzo, sarà visitabile fino al prossimo 27 aprile

LEGGI ANCHE“Life”, le opere di Raffaele Montepaone esposte al consiglio regionale - Video

“Oltre gli stereotipi”, al Marca di Catanzaro la mostra del vibonese Raffaele Montepaone (VIDEO)

Angela, la centenaria vibonese divenuta icona globale grazie ad una foto

“Life”, negli scatti di Raffaele Montepaone prende forma la “Calabria vera”

«Io nell’inferno di Parigi»: la testimonianza del fotografo Raffaele Montepaone

 

 

Lacnews24.it
X

In evidenza

Seguici su Facebook