Vibo, nella chiesa di San Giuseppe va in scena lo “Stabat Mater” in dialetto

Il recital, a cura del gruppo di preghiera della Casa del padre, sarà dedicato a tutte quelle madri che come Maria hanno vissuto la perdita drammatica di un figlio 

Il recital, a cura del gruppo di preghiera della Casa del padre, sarà dedicato a tutte quelle madri che come Maria hanno vissuto la perdita drammatica di un figlio 

Informazione pubblicitaria

Giovedì 21 marzo nella chiesa di San Giuseppe a Vibo Valentia, alle ore 20, il coro del gruppo di preghiera di ispirazione carismatica Vibo Due della Casa del Padre proporrà il recital musicale “Stava la matri“, trascrizione in dialetto del capolavoro di Jacopone da Todi “Stabat Mater”. Il gruppo, propone in una veste tutta nuova, lo Stabat con la forza e l’essenzialità del nostro dialetto. Fra meditazioni e canti sarà anche proposta la lettura in una veste tutta nuova del “Quarto canto del Servo” di Isaia, lo splendido testo sul servo sofferente scritto ben sette secoli prima della venuta di Cristo. In un’atmosfera suggestiva, il recital sarà dedicato a tutte quelle madri che come Maria, hanno vissuto in un modo o in un altro la perdita drammatica di un figlio

Informazione pubblicitaria