Tra natura e cultura, alla scoperta di Monterosso attraverso l’Urban trekking – Video

Partecipata iniziativa promossa dall’associazione “Familia de Rubro Monte” con l’ambizione di coniugare sport, arte e gusto in un percorso di circa 8,5 chilometri

Partecipata iniziativa promossa dall’associazione “Familia de Rubro Monte” con l’ambizione di coniugare sport, arte e gusto in un percorso di circa 8,5 chilometri

Informazione pubblicitaria
Urban trekking a Monterosso
Informazione pubblicitaria

L’Associazione “Familia de Rubro Monte”, in collaborazione con il Comune di Monterosso Calabro, con i Borghi della Salute e con il Touring Club, ha organizzato a Monterosso Calabro la “II^ Edizione dell’Urban trekking: tra cultura e natura”. L’iniziativa ha avuto l’ambizione di coniugare sport, arte e gusto, attraverso un percorso coinvolgente ed accattivante finalizzato alla scoperta degli angoli più belli e degli scorci più suggestivi di Monterosso Calabro, del suo centro storico e della sua montagna, a passo di trekking – tra cultura e natura. La peculiarità della proposta, ha fatto sì che la stessa si collocasse nell’alveo delle iniziative appartenenti al circuito dei Borghi della Salute, al quale il Comune di Monterosso Calabro ha aderito già dal 2016. Il percorso di circa 8,5 chilometri, si è articolato per le vie del piccolo borgo attraverso le suggestive viuzze che hanno consentito ai numerosi partecipanti di godere le bellezze dei siti monumentali e del meravigliosi paesaggi e viste panoramiche del paese inserito da Sky scanner tra i 20 borghi più belli d’Italia, facendo così godere al visitatore un unicum di immagini da cartolina tra mare, lago e montagna. Lasciato il centro storico, ci si è avviati verso il sito di archeologia industriale dell’ex miniera di grafite che, riscoperta da un’importante casa di moda, ha portato Monterosso Calabro a vincere l’Oscar della moda eco-sostenibile all’ultima Milano fashion week. Proprio qui il presidente dell’associazione Familia de Rubro Monte, Giuseppe Crispino ed il sindaco di Monterosso, Antonio Lampasi, hanno scoperto ed inaugurato tre targhe, commemorative-didascaliche, con una sobria e sentita cerimonia conclusasi tra gli applausi dei convenuti. In particolare la targa realizzata dall’Associazione Famiglia de Rubro Monte, sia in italiano che in inglese, ha voluto rievocare uno dei momenti più felici per l’economia monterossina quando, negli anni quaranta, la vecchia miniera di grafite, gestita dalla Società “Talco e grafite di Pinerolo”, dava lavoro a molti operai di Monterosso che estraevano questo prezioso  minerale, già conosciuto sin dal tempo dei Romani secondo gli scritti di alcuni storici latini. Purtroppo l’attività della miniera durò solo alcuni anni e nel 1948 chiuse definitivamente e molti monterossini dovettero prendere ancora una volta la via dell’emigrazione. L’evento si è concluso con la degustazione dei prodotti tipici della cucina mediterranea, all’insegna del benessere ed in linea con la filosofia tipica dei borghi della salute ovvero quella finalizzata a promuovere stili di vita salutari volti alla prevenzione delle malattie metaboliche (diabete, dislipidemie, obesità) e cardiovascolari attraverso il movimento lento ed alimenti semplici tipici della dieta mediterranea.

Informazione pubblicitaria