Mileto antica, i bambini della scuola ripuliscono il Parco medievale

L’iniziativa rientra nel progetto di sensibilizzazione voluto dalla dirigente Prostamo per far comprendere agli alunni l’importanza della manutenzione di un sito archeologico così importante

L’iniziativa rientra nel progetto di sensibilizzazione voluto dalla dirigente Prostamo per far comprendere agli alunni l’importanza della manutenzione di un sito archeologico così importante

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Un progetto nato con l’obiettivo dichiarato di sensibilizzare i ragazzi e le rispettive famiglie al rispetto, alla cura e alla valorizzazione dell’enorme patrimonio culturale, proprio della cittadina normanna. Provvedendo a ripulire con degli specialisti del settore reperti archeologici nel Parco medievale di Mileto antica, collaborando a creare abbellimenti vari che, nel loro piccolo, hanno reso più fruibile l’offerta, e facendosi accompagnare per mano alla scoperta delle bellezze ospitate nel Museo statale e fra le mura dei complessi architettonici, sacri e profani, del nuovo assetto urbano. Questi i tratti caratteristici dell’interessante iniziativa predisposta dalle classi IV e V elementare e II media dell’Istituto comprensivo di Mileto diretto da Giuseppina Prostamo

Informazione pubblicitaria

Il progetto, dal titolo “Manutenzione programmata area archeologica e risanamento ambientale”, è partito dall’idea di base che nella gestione di un Parco medievale importante, come quello che sino al 1783 ha ospitato la città elevata da Ruggero I d’Altavilla a capitale della propria contea, la manutenzione ordinaria è di fondamentale importanza, in particolare per rendere fruibile lo stesso bene culturale. I ragazzi, nel sito di Mileto antica, accompagnati da un archeologo e sotto la supervisione dell’esperta Barbara Iannello e della tutor Lucia Calello, armati di guanti, forbici, palette e piccole zappe, hanno contribuito a tenere pulita l’area da erbacce infestanti, prendendo in questo modo contezza dell’importanza di preservare il bene archeologico e rispettare sia la storicità dell’area che l’ambiente circostante. Con i tempi che corrono, una cosa non da poco.