giovedì,Settembre 29 2022

A Pizzo la tre giorni di “Arte in Calabria, risorsa da scoprire”

L’evento promosso dal Parco Regionale delle Serre e dall’Epli, si è aperto con l’inaugurazione della mostra il “Sommo nell'Arte” a cura di Giuseppe Esposito

A Pizzo la tre giorni di “Arte in Calabria, risorsa da scoprire”
Il convegno a Pizzo su "Arte in Calabria, risorsa da scoprire"

Si è conclusa a Pizzo la tre giorni dal titolo: “Arte in Calabria, risorsa da scoprire”. L’evento si è svolto nella suggestiva cornice del Castello Murat. L’evento, moderato dalla giornalista di LaC Cristina Iannuzzi, si è aperto con i saluti della presidente della pro loco di Pizzo Vincenzina Perciavalle che, nel corso del suo intervento ha sottolineato l’importanza di restituire alla Calabria un’immagine che rispecchi le sue mille sfaccettature, che affondano le radici in una cultura variegata e secolare. [Continua in basso]

Ricco di spunti anche l’intervento del maestro Antonio La Gamba e del commissario del Parco Regionale delle Serre Alfonso Grillo, il quale ha messo in evidenza come la Calabria non sia soltanto mare, ma è un territorio ricco di storia e cultura. Nel suo intervento, il commissario ha fatto sue le parole di Leonida Repaci per descrivere la Calabria, “terra grande ma amara”. «Noi calabresi – ha detto Grillo – dobbiamo trasformare la testardaggine in determinazione e salvarci dai mali che ci affliggono». È poi intervenuta la presidente della sezione calabrese dell’Ente Pro Loco Italiane Giuseppina Ierace che ha ribadito come «l’amore per la propria terra e un sentito spirito di servizio sono i motori trainanti del nuovo modo di fare pro loco.

Le associazioni di promozione territoriale riunite in un’unica rete hanno come obiettivo ultimo la valorizzazione di tutto ciò che la Calabria ha da offrire: non solo paesaggi, non solo gastronomia, ma soprattutto arte e cultura, beni immateriali dal valore incalcolabile».
Il dibattito è stato intermezzato dalle letture sceniche di Mara Ferraro e dalle musiche di Dario Pentimalli, pianista del conservatorio Fausto Torrefranca di Vibo Valentia. Al termine del dibattito l’inaugurazione della mostra dedicata a Dante, dal titolo “Il Sommo nell’Arte”, allestita all’interno del Castello. Il curatore del progetto Giuseppe Esposito ha spiegato come la mostra sia stata per i visitatori un viaggio esperienziale, grazie all’allestimento di un duplice percorso: da un lato la mostra collettiva e dall’altro quella dedicata a Dante Alighieri.

Articoli correlati

top