Tropea, tutto pronto per la presentazione de “Il buco”

Il libro edito da Mario Vallone è scritto da quattro giornalisti della “Perla” si snoda attorno ad un misterioso “buco” transennato e su cui si è accesa la curiosità della gente

Il libro edito da Mario Vallone è scritto da quattro giornalisti della “Perla” si snoda attorno ad un misterioso “buco” transennato e su cui si è accesa la curiosità della gente

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Un libro scritto a quattro mani, da quattro giornalisti tropeani e che terrà col fiato sospeso il lettore. Si intitola “Il buco”, pubblicato da Mario Vallone Editore, che verrà presentato lunedì sera alle 21.30 al centro culturale di via Barone a Tropea. Il volume è stato scritto da Alessandro Stella, Francesco Barritta, Salvatore Libertino e Caterina Sorbilli.

Informazione pubblicitaria

Tutte le emittenti televisive parlavano di quanto era accaduto a Tropea – si legge nel primo capitolo – mostrando le foto che era riuscito a scattare la sera precedente. Chiaramente la sua soddisfazione era tanta, ma non gli bastava. Voleva andare a fondo per scoprire l’origine di quanto era successo. I giorni seguenti calò il silenzio attorno all’accaduto. Niente era trapelato sulla stampa e i colleghi giornalisti facevano fatica a farsi dire dagli inquirenti cosa stessero tenendo nascosto. Intorno alla voragine vennero erette transenne di tre metri, per nascondere agli occhi indiscreti quel via vai di uomini con il camice bianco, che entravano e uscivano dal luogo delimitato. Tutto top secret. Un alone di mistero invase il territorio”.

La serata di presentazione sarà moderata dallo stesso editore Vallone e saranno presenti tutti e quattro gli autori. «Tutti giornalisti pubblicisti – si legge nella quarta di copertina – accomunati dalla voglia di condividere, oltre a tante pizze, la passione per la scrittura e la narrazione. Un fil rouge, questo libro, che lega gli autori sin dalla sua origine e che li ha visti alternarsi, scambiarsi, completarsi nell’avvincente stesura del racconto. Un gioco, fondamentalmente, attraverso cui sperimentare ancora di più l’affiatamento di un’amicizia decennale ed una consolidata passione comune».