A Tropea appuntamento con la grande musica: concerto dei solisti della Scala

Domenica esibizione del quartetto di fiati insieme al pianoforte di Emilio Aversano nell’ambito della rassegna “Armonie della Magna Graecia”

Domenica esibizione del quartetto di fiati insieme al pianoforte di Emilio Aversano nell’ambito della rassegna “Armonie della Magna Graecia”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nell’ambito della rassegna “Armonie della Magna Graecia”, che caratterizza da dodici stagioni Tropea come città della musica, risalta per la caratura degli interpreti il concerto in programma per domenica 1 settembre che vedrà impegnati il quartetto di fiati dei “Solisti del Teatro alla Scala” insieme al pianoforte di Emilio Aversano. Alle ore 22, a Palazzo Santa Chiara, Fabrizio Meloni (clarinetto), Fabien Thouand ( oboe), Gabriele Screpis (fagotto), Jorge Monte De Fez (corno) ed Emilio Aversano (pianoforte) eseguiranno due composizioni che hanno segnato la storia della musica: il concerto K452 per pianoforte e fiati di Mozart e il Quintetto op.16 di L.Van Beethoven.

Informazione pubblicitaria

Il concerto in programma a Tropea si può considerare un’anteprima dell’evento musicale previsto per l’11 maggio 2020 alla Scala di Milano con la stessa formazione e con l’aggiunta di tre sonate di Scarlatti, che il pianista Aversano inciderà per la Warner Classics. L’ensemble de “I Solisti della Scala” nasce da un’idea di Riccardo Muti e della Direzione artistica del Teatro alla Scala nel 1990. Formato dalle prime parti soliste dell’orchestra della Scala e dell’omonima Filarmonica, ha una formazione variabile, capace nelle sue varie declinazioni di eseguire un repertorio che spazia dal classicismo alla musica dei nostri giorni. L’ensemble è sin dalla sua fondazione regolarmente presente nelle stagioni concertistiche del Teatro alla Scala e nelle principali istituzioni musicali in Italia e all’estero. Per citare alcune delle più prestigiose sale al mondo : Carnegie Hall, NY Musikverein, Vienna Tonhall, Zurigo, Santory Hall Tokio. Tra le collaborazioni di spicco, quelle con M.W.Chung, D. Barenboim e lo stesso Riccardo Muti nella veste straordinaria di pianista. Le varie formazioni hanno registrazioni con le più importanti case discografiche internazionali (Deutsche Grammophon, Decca, Warner Classics, Sony, CPO, Amadeus, Limen Music). Per gli amanti della grande Musica, appuntamento da non perdere.