Cisal e Università Mediterranea insieme per l’Europrogettazione

I due enti, unitamente all’associazione culturale “Qualitylife management”, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per l’avvio di un corso di alta formazione

I due enti, unitamente all’associazione culturale “Qualitylife management”, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per l’avvio di un corso di alta formazione

Informazione pubblicitaria
Da sinistra Greco, Cavallaro e Mantovani

La Cisal Servizi e consulenze, l’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria e l’associazione culturale “Qualitylife management” (Qlm) hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, della durata di tre anni, per un corso di alta formazione in Europrogettazione.

All’evento, presieduto dal segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro, sono intervenuti Francesco Greco, amministratore unico della Cisal Servizi e consulenze, Michela Mantovani direttore scientifico del Cat-Lab, (Laboratorio di Economia e Management delle Risorse culturali, ambientale e turistiche) dell’Università “Mediterranea” e Antonio Roberto Valdini, del consiglio direttivo dell’Associazione culturale Qlm che hanno siglato ufficialmente lo stesso protocollo d’intesa.

Il corso di alta formazione, coordinato da Michela Mantovani, che partirà il 21 ottobre prossimo, si svolgerà preso la sede dell’ateneo reggino, si articolerà in 32 ore, nei giorni di venerdì pomeriggio (dalle 15,30 alle 19,30), e sabato mattina (dalle 9,30 alle 13,30).

«L’obiettivo – si legge in una nota – è quello di realizzare un percorso formativo finalizzato a rispondere alle insoddisfatte richieste territoriali in termini di insegnamento, approfondimento e aggiornamento sulle tematiche di euro progettazione. L’iniziativa offre l’opportunità di far conoscere l’introduzione della strategia europea, l’illustrazione del nuovo quadro di programmazione finanziaria europea e la guida alla presentazione della domanda di finanziamento.E’ strutturato in una relazione informativa che introduce in modo sistematico ed esaustivo la strategia europea per la programmazione finanziaria 2014/2020, illustrando gli strumenti a disposizione».

Destinatari del corso sono i possessori di titolo di laurea triennale, specialistica, magistrale e di vecchio ordinamento. Il corso, poi, è stato sposato dall’Ordine degli avvocati, dall’Ordine dei commercialisti ed esperti contabili di Reggio Calabria, tanto da aver ottenuto il riconoscimento dei Crediti Formativi validi per la formazione continua: 12 Crediti per degli Avvocati e 24 per i commercialisti ed esperti contabili. La chiusura del bando sarà il 19 ottobre. Il corso è stato istituito in partnership dalDipartimento di Giurisprudenza ed Economia dal CAT-LAB della stessa Università “Mediterranea”,dall’ Associazione culturale QLM con i patrocini del Consiglio Regionale della Calabria, dalla Camera di commercio, della Fenalc (Federazione nazionale liberi circoli).

Cisal e Università per stranieri insieme a sostegno degli studenti-lavoratori

«La Cisal Servizi e consulenze – ha dichiarato, tra l’altro, il segretario generale Francesco Cavallaro – mette a disposizione dei suoi associati e simpatizzanti una nuova opportunità di crescita culturale, imprenditoriale e tecnologica, cogliendo gli aspetti più stimolanti del processo di avanzamento socio economico, culturale e tecnologico intervenuti di recente nell’area dell’Europrogettazione. Una sorta di novità, questa, che non può non interessare chi guarda ed attende con forte interesse agli effetti più stimolanti che entrano in sintonia con i continui sviluppi dell’azione europea. In questa direzione – ha aggiunto il leader – la Cisal Servizi e consulenze continua a fare rete con il mondo dell’università certa di interpretare le attese di giovani e meno giovani cheorientano i propri obiettivi all’indirizzo di una ricercata crescita professionale, sia singola quanto di team, nella consapevolezza che soltanto nella dicotomia ambizione-università diventa possibile centrare obiettivi di forte respiro europeo».

Michela Mantovani, che guida una delle costole formative più eccellenti dello scenario universitario reggino, ha confermato che «la ricerca in ambito internazionale nei campi della valorizzazione del made in Italy resta l’obiettivo da intensificare e sempre meglio qualificare, soprattutto nei settori dei beni culturali, turismo, enogastronomia, moda e cinema anche attraverso la produzione di benieservizi per processi di internazionalizzazione delle imprese italiane. Abbiamo trovato nella Cisal – ha, poi, sottolineato – un ottimo interlocutore perché gli obiettivi sono di forte interesse reciproco: è stato attivato un importante rapporto di collaborazione che prevede ben individuate condivisioni».

«Questo vuol dire – ha evidenziato infine Francesco Greco – che la Calabria crede nel suo futuro e continua a promuovere la sua iniziativa per tentare di inserirsi in un percorso competitivo dell’alta formazione. La nostra attività di servizio per raggiungere ancor meglio il suo obiettivo di interpretare alla meglio le istanze di chi propone la sua disponibilità a concorrere per una regione più attenta e dalle risposte più certecontinua a lanciare le sue sfide mettendo i giovani al centro della corsa europea. L’idea di mettere in piedi un obiettivo di sempre più eccellente dimensione culturale e imprenditoriale capace di guardare con legittima aspettativa all’Europa che trasforma le attese dei giovani galvanizza ogni giorno di più la Cisal Servizi e consulenze».