Nuovo successo per Saverio Caracciolo al Festival del cinema rurale

Riconoscimento nell'ambito della rassegna di Casalmaggiore per i documentari "I carbonari" e "La terra cotta", girati a Serra San Bruno e Gerocarne e dedicati a mestieri in via d'estinzione
Riconoscimento nell'ambito della rassegna di Casalmaggiore per i documentari "I carbonari" e "La terra cotta", girati a Serra San Bruno e Gerocarne e dedicati a mestieri in via d'estinzione
Informazione pubblicitaria
Caracciolo premiato a Casalmaggiore
Informazione pubblicitaria

Nuovo prestigioso riconoscimento per il videoreporter di LaC Tv, Saverio Caracciolo. I due documentari “I carbonari” e “La terra cotta” hanno vinto ex aequo il premio come miglior documentario rurale. La cerimonia finale del Festival del cinema rurale contadino si è tenuta al teatro comunale di Casalmaggiore, Cremona, in Lombardia. Qui i due lavori realizzati dal professionista vibonese sono stati apprezzati e premiati.  Attraverso immagini, infatti, sono stati accuratamente delineati piccoli mondi a rischio estinzione. La dura fatica, il lavoro delle mani, la creatività dell’artista che plasma la materia, l’attaccamento alle proprie radici culturali. Sono tutti aspetti raccolti nei due filmati, realizzati a Serra San Bruno e Gerocarne, nel Vibonese. Perle preziose che non sono passate inosservate alla giuria esaminatrice che ha così motivato il riconoscimento tributato a Caracciolo: «Un regista che riesce, con entrambe le sue opere, a raccontare mestieri antichi e molto duri, in controtendenza con i ritmi moderni rapidi ma speso superficiali».

Informazione pubblicitaria

Il viaggio nella terra cotta parte dal borgo di Gerocarne, all’interno della bottega “Papillo”. Qui si tramandano di padre in figlio, i segreti di un mestiere impegnativo, fatto di gesti lenti e pazienza. Ma anche tanta passione per permettere ad un’arte secolare di sopravvivere e proiettarsi nel futuro. La creazione del vasellame, infatti, viene espletata attraverso antiche tecniche e si conclude nella cottura in forno. Una struttura del 1500 ancora viva e perfettamente funzionante.

Mani e visi scavati dalla fatica. Ma anche lo sguardo fiero di chi porta avanti un mestiere che resiste. In passato, nel cuore delle Serre vibonesi, in questo settore lavoravano decine di famiglie. Per la città della Certosa i boschi erano vita e fonte di sostentamento. Le attività connesse al carbone quindi, rappresentavano possibilità di reddito. Una lavorazione che parte dalla scelta del legno, passa dalla realizzazione di covoni, e si conclude con la copertura di paglia e terra che ne garantisce la cottura e la completa disidratazione.

Solo pochi giorni fa, Saverio Caracciolo ha trionfato nell’ambito della rassegna internazionale “Vittorio De Seta” dedicata ai documentari etnografici, ottenendo con il reportage “La Pita”, il primo premio. Quello a Casalmaggiore rappresenta un’ulteriore conferma delle qualità umane e professionali del videoreporter di LaC: «Questo premio lo voglio dedicare alla famiglia Papillo, ceramisti di Gerocarne e alla famiglia Scrivo, i carbonari di Serra San Bruno ma anche ai miei colleghi del Network LaC e del Gruppo Pubbliemme, che ogni giorno mi sostengono nei miei vari reportage», il breve commento.

LEGGI ANCHE: “La Pita” miglior documentario, Saverio Caracciolo trionfa al Premio De Seta – Video