Capitale italiana della cultura, Tropea punta al titolo con un pool di esperti

Il comitato composto da professionisti operanti in ambito culturale dovrà stilare un dossier per presentare al meglio la città
Il comitato composto da professionisti operanti in ambito culturale dovrà stilare un dossier per presentare al meglio la città
Informazione pubblicitaria
La spiaggia più famosa di TRopea
Informazione pubblicitaria

Dopo l’annuncio dei giorni scorsi che ufficializzava la partecipazione di Tropea al bando per Capitale italiana della cultura 2021, arrivano i primi provvedimenti della giunta comunale guidata dal sindaco Giovanni Macrì. È una vera e propria task force quella messa in piedi per puntare all’ambito titolo, composta da docenti universitari, studiosi e personalità che gravitano da sempre in ambito culturale. Il comitato presterà il proprio contributo in maniera totalmente gratuita e sarà coordinato da Luisa Caronte. Accanto a lei Giuseppe Lonetti; Ulderico Nisticò; Luciano Meligrana; Antonio Preiti; Francesco Campennì; Giuseppe Maria Romano; Giuseppe Carone; Dario Godano; Francesco Barritta; Pantaleone Mercurio; Annunziata Schiariti; Beatrice Lento. Il compito della squadra sarà quello di redigere un dossier per la candidatura. Una vera e propria sfida attende quindi il team, anche alla luce della partecipazione al bando di altre 43 città, tra cui centri probabilmente più conosciuti ma non per questo di maggior fascino rispetto alla Perla del Tirreno.

Informazione pubblicitaria