Artista vibonese mette le sue opere all’asta per l’ospedale Jazzolino

Il gesto di generosità di Enzo Liguori, artista originario di Francica. Le risorse saranno destinate all’acquisto di presidi sanitari per il nosocomio di Vibo
Il gesto di generosità di Enzo Liguori, artista originario di Francica. Le risorse saranno destinate all’acquisto di presidi sanitari per il nosocomio di Vibo
Informazione pubblicitaria
Enzo Liguori
Informazione pubblicitaria

Mettere a disposizione la propria arte per un progetto di solidarietà a favore dell’ospedale di Vibo Valentia. Così, Enzo Liguori, artista originario di Francica, è passato dalle parole ai fatti donando in beneficenza e mettendo all’asta alcune sue pregevoli opere. I ricavati verranno poi utilizzati per acquistare presidi sanitari da destinare al nosocomio Jazzolino di Vibo Valentia in questa fase di emergenza coronavirus. [Continua]

Informazione pubblicitaria
Infermiera con bimbo, una delle opere di Liguori

Si tratta di dipinti perlopiù a sfondo sacro che riproducono San Pio, la Madonna con il bambino, San Michele, angeli, Cristo con la corona di spine e poi gli eroi dei nostri giorni, una infermiera con la mascherina che tiene in braccio un bambino. Le opere sono state confezionate appositamente per il progetto solidale: «Nella mia carriera artistica – spiega – ho sempre partecipato a gare di solidarietà, donando opere artistiche a diverse associazioni di volontariato tra cui la Uildm Vibo Valentia e l’Avis di Reggio Calabria. In questo momento di bisogno- evidenzia l’artista- è scattata in me una forte ispirazione».

Madonna con Bambino, opera di Liguori

Da qui l’idea di dare il proprio contributo: «Vista la fase di quarantena ho iniziato a realizzare opere sacre per donarle e fare così  la mia piccola parte». Un gesto di solidarietà apprezzato anche dal Comitato Fior di loto arts di cui è parte integrante: «Il sodalizio – afferma il presidente del Comitato Sonia Demurtas– è orgoglioso di avere un artista di questo calibro al proprio fianco. Le opere realizzate per la raccolta fondi – aggiunge – sono davvero originali, e di alto spessore artistico». Un modo del tutto inedito per contribuire, con i propri mezzi e la propria arte, alla lotta al Codiv-19.