Il Club Unesco di Vibo promuove la Dieta mediterranea

In calendario, dal 16 al 21 novembre, una serie d’iniziative per far conoscere ed incontrare i vari aspetti e le tematiche connesse a salute e benessere.

In calendario, dal 16 al 21 novembre, una serie d’iniziative per far conoscere ed incontrare i vari aspetti e le tematiche connesse a salute e benessere.

Informazione pubblicitaria
L'immagine a corredo dell'iniziativa
Informazione pubblicitaria

“Dieta Mediterranea: percorsi di consapevolezza del riconoscimento Unesco”. È questo il tema dell’iniziativa promossa dal Club Unesco di Vibo Valentia, con la collaborazione del Museo archeologico nazionale “Vito Capialbi”, del Sistema bibliotecario vibonese e dei relativi direttori Adele Bonofiglio e Gilberto Floriani, e in programma dal 16 al 21 novembre in città. Si tratta di un ciclo d’incontri, coordinati dal presidente club Unesco di Vibo, Maria Loscrì, che coinvolgeranno cittadinanza e mondo scuola, grazie all’adesione del Liceo statale “Capialbi” e il Liceo artistico “Colao”, rispettivamente guidati dai dirigenti Antonello Scalamandrè e Raffaele Suppa, al fine di veicolare ai giovani il messaggio dell’importanza di una corretta alimentazione. Gli appuntamenti saranno dislocati tra Palazzo Santa Chiara, sede del Sbv, il Museo e il Poliambulatorio “Moscati”.

Informazione pubblicitaria

«Nella ricorrenza del riconoscimento Unesco della Dieta mediterranea a Patrimonio mondiale – sostiene Maria Loscrì – l’intera comunità del Vibonese rivive le antiche tradizioni, l’arte, le abilità, i saperi che, frutto di incontro e scambi tra culture diverse, hanno dato vita al più longevo racconto dell’incontro tra l’uomo e la natura, intorno al mangiar sano». Un concentrato di vitamine, antiossidanti e minerali, racchiudono il segreto della salute e caratterizzano odori e sapori dei singoli alimenti: «I migliori professionisti della nostra terra – continua il presidente – hanno fatto propria l’idea che, nella patria della Dieta, i bambini, i giovani e soprattutto le famiglie, debbano concorrere in maniera attiva e responsabile al processo di empowerment (processo di crescita del singolo e del gruppo) nei confronti del cibo e dell’attività fisica».

La manifestazione prevede oltre ad incontri divulgativi, laboratori didattici per permettere una full immersion negli antichi mestieri. Nella giornata di apertura, lunedì 16 novembre dalle 9 a Palazzo Santa Chiara, confronto con i professionisti: Vincenzo Natale, Antonio Leonardo Montuoro, Piero Spinelli e Enrica Candela. Contestualmente nei locali del poliambulatorio “Moscati”, prevista la Giornata della prevenzione dell’obesità e delle malattie aterosclerotiche.