La Cei alla scoperta delle bellezze storico-naturalistiche delle Serre vibonesi

Una delegazione degli Uffici diocesani per i problemi sociale e del lavoro è stata in visita, nei giorni scorsi, a Serra San Bruno e Mongiana. Visitatori colpiti dalla ricchezza culturale e ambientale del territorio

Una delegazione degli Uffici diocesani per i problemi sociale e del lavoro è stata in visita, nei giorni scorsi, a Serra San Bruno e Mongiana. Visitatori colpiti dalla ricchezza culturale e ambientale del territorio

Informazione pubblicitaria
La Certosa di Serra San Bruno

Un gruppo di responsabili degli Uffici diocesani per i problemi sociali e del lavoro della Conferenza episcopale italiana, nell’ambito del convegno annuale organizzato a Lamezia Terme, dal 19 al 22 luglio 2017, hanno visitato Serra San Bruno e Mongiana

A proporre la vista, all’interno dell’incontro di studio “La forza della comunità nel tempo del post-umano”, monsignor Fabiano Longoni, individuando luoghi particolarmente significativi della Calabria dal punto di vista storico e sociale. In questo contesto, la visita è iniziata con una messa concelebrata nel Santuario regionale di Santa Maria del Bosco, alla quale è seguita una visita guidata dal direttore Fabio Tassone al Museo della Certosa, in cui c’è stata la possibilità di un breve saluto da parte del Priore della Certosa dom Basilio Trivellato. 

Successivamente gli ospiti si sono spostati a Mongiana dove hanno visitato il Museo delle Ferriere, e dove il sindaco Bruno Iorfida ha avuto modo di mettere in luce la valenza storia dell’esperienza proto-industriale del borgo delle Serre vibonesi e quanto è stato fatto finora per rimetterne in luce le tracce storiche. 

I visitatori hanno poi avuto modo anche di scoprire le ricchezze del Parco di Villa Vittoria, sede dell’Ufficio territoriale per la Biodiversità dei Carabinieri Forestali e sede del Gruppo Carabinieri Forestali, sotto la guida esperta del comandante Mimmo Minichini e dell’appuntato Pia Rullo. 

La giornata si è conclusa con una sessione di studio all’interno della sala convegni del Museo delle Ferriere in cui i convegnisti hanno avuto modo di continuare il percorso di approfondimento del tema del loro incontro. «Ancora una volta – hanno riferito il sindaco di Mongiana Iorfida e il direttore del Museo della Certosa Tassone – le bellezze significative di questa zona sono riuscite ad essere comunicate a presone provenienti da tutta Italia, grazie alla sinergia tra le strutture culturali dei due centri. Gli ospiti sono rimasti impressionati dalla valenza storica, naturalistica e religiosa di un territorio da scoprire: le Serre».

LEGGI ANCHE:

Mongiana, si punta al recupero della “Casa del Capitano”

Mongiana: gli alunni di Brognaturo in visita alle Ferriere borboniche

Mongiana: Comune e Pro Loco donano ad ogni famiglia il libro sulla storia dello stabilimento reale

I monaci della Certosa di Serra San Bruno a Mileto sulle tracce della fede

Nella Certosa di Serra San Bruno si coltiva il “fagiolo solidale”