“Pellicole scomode”, al via il Cineforum di Libera

Dal 21 novembre e fino a marzo una nuova esperienza «dal forte profumo giovanile» realizzata grazie alla disponibilità del Sistema bibliotecario vibonese.

Dal 21 novembre e fino a marzo una nuova esperienza «dal forte profumo giovanile» realizzata grazie alla disponibilità del Sistema bibliotecario vibonese.

Informazione pubblicitaria
La locandina del Cineforum di Libera
Informazione pubblicitaria

Grazie alla disponibilità del Sistema bibliotecario vibonese, nella persona del direttore Gilberto Floriani, i giovani di Libera-Vibo, coordinati da Giuseppe Borrello del Coordinamento vibonese di Libera, «hanno deciso di farsi sentire, di mostrare la loro presenza sul territorio, organizzando un cineforum contro le mafie».

Informazione pubblicitaria

Obiettivo dichiarato dell’iniziativa «vincere l’indifferenza che è prima degli adulti e che viene poi lasciata in eredità al mondo giovanile ed è proprio da questo nasce “pellicole scomode” che vuol significare appunto, il richiamo alla coscienza ed ad un impegno costante. “Scomode” perché ci devono svegliare dall’ordinario e dal torpore dell’ignavia. Cinque proiezioni all’insegna del confronto e del saper fare comunità. La visione dei film sarà poi, funzionale all’apertura di un dibattito che vedrà come protagonisti i giovani».

Non a casi si prevede «ad ogni incontro, la possibilità di ascoltare storie di vita e di lotta concreta, di gente che ha incontrato il cancro della ‘ndrangheta e che ha cercato di sfuggirne il morso, ma anche storie di chi si impegna per far risplendere territori che prima sapevano di violenza».

Il primo di questi incontri si terrà sabato 21 Novembre, presso il Palazzo Santa Chiara a Vibo Valentia, con la proiezione del film “La mafia uccide solo d’estate”. Al dibattito prenderà parte il testimone di giustizia Rocco Mangiardi, l’imprenditore lametino che ha detto no al pizzo ed ha puntato il dito contro chi lo pretendeva. «Il nostro desiderio – proseguono da Libera – è quello di vedere una grande partecipazione da parte di tutta la popolazione del vibonese. Camminiamo insieme per un presente ed un futuro migliore perché è dalle piccole cose che si attua il cambiamento, ed è solo nell’impegno e nella partecipazione che la nostra vita assapora il gusto della libertà».

Il programma della rassegna “Pellicole scomode”:

sabato 21 novembre, h. 16, “La mafia uccide solo d’estate”
sabato 19 dicembre, h. 16, “La nostra terra”
sabato 23 gennaio, h. 16, “Vi perdono, ma inginocchiatevi”
sabato 20 febbraio, h. 16, “Anime nere”
sabato 12 marzo, h. 16, “La siciliana ribelle”