Vibo e il museo 3.0: dibattito e visita virtuale alle bellezze archeologiche

L’incontro si terrà in streaming e parteciperanno i direttori dei poli museali e gli esperti in ricerca e innovazione tecnologica della Regione Calabria
L’incontro si terrà in streaming e parteciperanno i direttori dei poli museali e gli esperti in ricerca e innovazione tecnologica della Regione Calabria
Informazione pubblicitaria

“Visa tecnologie per la digitalizzazione del patrimonio culturale”. Questo il titolo dell’evento in programma oggi 29 luglio alle 16.30, presentato dal Museo archeologico nazionale “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, afferente alla direzione regionale Musei della Calabria. L’incontro si svolgerà sulla piattaforma digitale Google Meet: htpps//meet.google.com/sdg-efsa-sqx, ed è teso ad illustrare i particolari del progetto realizzato con l’installazione del Visualizing innovative and social artworks (Visa), programma che ha dato la possibilità di realizzare un nuovo modello di spazio, denominato Museo 3.0, con tanto di visita virtuale di tutto il complesso museale vibonese.

Dopo i saluti della guida della direzione regionale Musei Calabria Antonella Cucciniello e dei rappresentanti del settore Ricerca scientifica e innovazione tecnologica della Regione Calabria, Gabriele Alitto e Bruno Stella, l’evento prevede gli interventi del direttore del “Vito Capialbi” Adele Bonofiglio e del direttore dei Musei di Locri e Monasterace Rossella Agostino. Nell’occasione, ad illustrare e ad introdurre i partecipanti al progetto “Visa. I musei si raccontano”, sarà Francesco Fatta. All’incontro, moderato dall’archeologa Mariangela Preta, interverranno, inoltre, Salvatore Barba (Tecniche di acquisizione digitale: la Laminetta orfica di Hipponion), Lidia Rocca (Le tecnologie a supporto della valorizzazione del Museo archeologico nazionale “Vito Capialbi”) e Andrea Marraffa (Dal reale al virtuale: l’esempio del monetiere del Museo archeologico nazionale “Vito Capialbi”).