Bando regionale sospeso, salta il Festival leggere e scrivere di Vibo

La kermesse rinviata a data da destinarsi dopo che la Regione ha bloccato la pubblicazione della graduatoria sui grandi eventi per violazioni della privacy
La kermesse rinviata a data da destinarsi dopo che la Regione ha bloccato la pubblicazione della graduatoria sui grandi eventi per violazioni della privacy
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Bando sospeso, festival rinviato. Non si terrà ad ottobre, come preventivato, il Festival leggere e scrivere di Vibo Valentia. Lo si apprende da una comunicazione dell’organizzazione attraverso la quale si rende noto il rinvio a data da destinarsi dell’importante e prestigiosa kermesse letteraria nazionale. Alla base della decisione, la sospensione in autotutela da parte della Regione Calabria «della procedura del bando sui grandi eventi a causa di alcune violazioni della privacy».  

Informazione pubblicitaria

«Il sistema bibliotecario – si spiega – è un ente pubblico e non può procedere a impegni di spesa in carenza di entrate certe. Si attendeva la pubblicazione della graduatoria del bando regionale per poter realizzare l’iniziativa annuale, verso la quale c’è molto attenzione. Purtroppo la Regione Calabria ha dovuto sospendere in autotutela la procedura del bando a causa di alcune violazioni della privacy. I progetti saranno riesaminati da una nuova commissione e in esito alla nuova graduatoria si è pronti a ripartire».

Rammarico, dunque, ma anche «la consapevolezza di aver costruito un buon progetto, del grande valore dell’iniziativa che viene portata avanti da nove anni e del largo consenso che essa si è conquistata. C’è, anche, la convinzione che il festival con il riconoscimento di evento di valore nazionale sia un’occasione importante per una città che vuole proiettare i suoi punti di forza nel contesto nazionale, come auspica sempre il sindaco Maria Limardo. Il Comune da quest’anno sarà partner fondamentale e qualificante del festival. Infine c’è il problema Covid, che preoccupa molto, fiduciosi però di poterlo superare adottando comportamenti rigorosi. A presto».