Vibo, partite “Le giornate di Scienza, Cultura e Giustizia”

Buona partecipazione di pubblico al primo appuntamento all’Istituto italiano di criminologia. Oggi si replica con Gianfranco Franciosi, primo infiltrato civile tra i narcos
Buona partecipazione di pubblico al primo appuntamento all’Istituto italiano di criminologia. Oggi si replica con Gianfranco Franciosi, primo infiltrato civile tra i narcos
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Estremamente partecipato il primo appuntamento “Vibo, le giornate di Scienza, Cultura e Giustizia”, che si svolgeranno dal 6 al 10 ottobre presso l’Istituto italiano di Criminologia. Il primo appuntamento ha trattato il tema “Etica e professioni”, dopo i saluti di Daniela Rotino, assessore alla Cultura della città di Vibo Valentia, sono intervenuti i relatori Alessandro Garrisi, presidente Associazione nazionale archeologi; Vincenzo Natale, direttore Medicina d’Urgenza dell’ospedale Jazzolino; Filippo Mobrici, presidente del Consiglio di disciplina dell’Ordine degli ingegneri di Vibo Valentia. Le conclusioni sono state affidate al professor Saverio Fortunato, rettore dell’istituto vibonese, a moderare questo primo evento l’avvocato Stefano Luciano, docente di procedura penale.

Nel frattempo cresce l’attesa per l’iniziativa di oggi. Alle ore 15.30, è previsto l’incontro: “Gli orologi del Diavolo”, con Gianfranco Franciosi, primo infiltrato civile tra i narcos, alla cui storia si è ispirata la fiction Gli orologi del diavolo. Una serie Tv, interpretata da Beppe Fiorello, che andrà in onda in quattro serate su Rai Uno dal 26 ottobre al 16 novembre. Interverranno il protagonista della storia e la preside Mariarosaria Russo.

Informazione pubblicitaria