Vibo Valentia si candida a “Capitale italiana del libro”

Nel bando predisposto dal Mibact sarà in competizione con 40 città tra le quali Napoli e Palermo. In “palio” un finanziamento di 500mila euro
Nel bando predisposto dal Mibact sarà in competizione con 40 città tra le quali Napoli e Palermo. In “palio” un finanziamento di 500mila euro
Informazione pubblicitaria

«La città di Vibo Valentia a partire dal 2017 ha avuto dal Cepell il riconoscimento di Città del Libro e successivamente Città che legge, ha adottato per tempo un Patto per la lettura che è stato sottoscritto dalle diverse realtà culturali cittadine. Pertanto il Comune di Vibo Valentia, visto il bando del Mibact per il conferimento per l’anno 2021 del titolo di “Capitale italiana del libro” in attuazione della Legge 13 febbraio 2020, n. 15, e del Decreto del ministro per i beni e le attività

culturali e per il turismo n. 398 del 10 agosto 2020 propone la sua candidatura a Capitale italiana del libro 2021 con l’obiettivo principale di mettere il libro, la lettura e la cultura al centro della vita cittadina». È quanto fa sapere, in una nota, l’Amministrazione comunale di Vibo Valentia.

Il contributo che verrà assegnato dal ministero per i Beni e le attività culturali «a chi avrà proposto il progetto migliore è di 500mila euro che arriveranno al Comune vincitore fra i 40 partecipanti. Il dossier, presentato dal nostro Comune al Mibact, è stato redatto in collaborazione con il direttore scientifico del Sistema bibliotecario, Gilberto Floriani, come suo contributo personale. In qualità di membro della Task force, è stato lui stesso a proporre all’assise, durante la seduta di giorno 8 settembre, la candidatura di Vibo a Capitale del libro assieme agli altri due membri effettivi Maria Murmura e Maria D’Andrea».

Il Comune «è socio del Sistema bibliotecario vibonese, che in virtù di tanto, è assegnatario del prestigioso Palazzo Santa Chiara, e ha stipulato con l’Ente anche un Ats di collaborazione per il bando regionale grandi eventi. Al bando hanno aderito città importanti come Napoli e Palermo, Comuni come Campobasso e Cesena, con cui saremo in competizione. Vibo Valentia ha al suo attivo tantissime iniziative di enti, associazioni, scuole che operano per promuovere la lettura che ci fanno sperare in un buon esito. Basti pensare all’importante Festival “Leggere e scrivere” con le sue otto edizioni e la presenza di migliaia di spettatori e la nuova realtà di “Vibook a km 0” fiera dell’editoria che ha avuto molto successo nella passata edizione con presentazione di libri, laboratori di lettura per adulti e bambini e tanto altro».