Il Covid si porta via Mimmo Guerrera, Pannaconi lo ricorda con affetto

Commosso addio all’architetto allievo di Bruno Zevi e Paolo Portoghesi, deceduto al Policlinico Umberto I di Roma dopo aver contratto il virus
Commosso addio all’architetto allievo di Bruno Zevi e Paolo Portoghesi, deceduto al Policlinico Umberto I di Roma dopo aver contratto il virus
Informazione pubblicitaria
Mimmo Guerrera nel suo studio

di Filippo Curtosi*

Mimmo Guerrera è morto ieri a Roma: era in terapia intensiva al Policlinico Umberto I da qualche giorno per Covid. Era stato ricoverato dopo aver contratto il virus probabilmente a scuola dove insegnava materie artistiche. Ci sono uomini che prima di morire, lasciano memoria di sé. Uno di questi è Domenico Guerrera nel ricordo commosso di tutta la comunità pannaconese e non solo. Ebbe incarico da parte della Parrocchia di San Nicola di progettare e realizzare la chiesa della Madonna del Bosco in Località Panaija e dalla Confraternita Maria Santissima della Lettera la Maestosa torre campanaria dell’ omonima chiesa.

E poi il suo rapporto con gli studenti nelle numerose scuole del Vibonese in particolare alla Garibaldi e Murmura del capoluogo semplicemente di dialogo e di ascolto. È una notizia triste e dolorosa quella che ci ha raggiunto ieri nella comunità di Pannaconi e dintorni che con il prof Guerrera ha visto muovere i primi passi della sua poco più che trentennale storia di docente e architetto per imboccare grazie al suo impegno sociale, culturale di intellettuale di altissimo livello la strada maestra che l’ha condotto fino al punto in cui è arrivata.

È difficile tentare di esprimere sia pure in maniera sintetica un qualche pensiero in grado di rendere appieno le sue qualità umane culturali e scientifiche. La notizia della sua morte non ha reso meno acuta la tristezza del distacco con il quale un protagonista del nostro paese va via. Alla moglie, alla figlia, al fratello e alla sorella del prof Mimmo Guerrera vanno le più sentite condoglianze dell’intera comunità unito ad un pensiero dolce, amichevole e sincero di vicinanza e di condivisione per il doloroso momento che ci ha colpiti.

*giornalista