Emergenza Covid: Vibo chiama Bergamo, esperienze a confronto

Iniziativa online del Centro servizi per il volontariato con il coinvolgimento del comitato “Noi denunceremo” e di Libera
Iniziativa online del Centro servizi per il volontariato con il coinvolgimento del comitato “Noi denunceremo” e di Libera
Informazione pubblicitaria

Il Csv di Vibo Valentia promuove un incontro “online” con associazioni di volontariato e cittadini sul tema del Coronavirus dal titolo “Vibo chiama Bergamo. Distanti ma uniti in unico obiettivo: superare l’emergenza sanitaria, sociale ed economica”. L’appuntamento è fissato per oggi, venerdì 20 novembre alle 18, sulla piattaforma Zoom e in diretta streaming sulla pagina Facebook del Csv Vibo Valentia. Scopo dell’incontro è fornire informazioni puntuali e corrette sul virus, sui reali rischi che si corrono nel nostro territorio, sulle precauzioni da utilizzare, sulle misure di prevenzione e contenimento e le gravi problematiche presenti nella nostra provincia.

«Il Csv ha ritenuto opportuno organizzare questo evento per fornire informazioni ufficiali, puntuali sul Coronavirus – si legge in una nota -. La corretta informazione è un elemento fondamentale per non creare eccessivi allarmismi, evitare episodi di discriminazione e pregiudizio, ai quali purtroppo abbiamo dovuto assistere, per adottare tutte quelle misure di prevenzione e contenimento utili ad evitare di essere contagiati dal virus». 

A parlare saranno il dottor Antonino Maglia, presidente provinciale dell’Ordine dei medici, inoltre nel corso dell’incontro-seminario, verranno presentati due libri-inchiesta. Il primo della giornalista Rai Francesca Nava, “Focolaio, da Bergamo al contagio nazionale” che è incentrato su una domanda: come è stato possibile che il coronavirus sia dilagato in maniera incontrollata nella Bergamasca e poi nel resto della Regione e dell’Italia. Il secondo della scrittrice Gessica Costanzo “La valle nel virus” libro-testimonianza di ciò che è accaduto in Val Seriana, tragico epicentro dove il coronavirus ha colpito con violenza.

I libri ricostruiscono i giorni della pandemia a Bergamo e cercano di capire come mai non fu istituita la zona rossa tra Alzano e Nembro. Partecipano all’evento Luca Fusco e Consuelo Locati, rispettivamente presidente e legale del comitato “Noi denunceremo” di Bergamo. Presenti all’incontro anche il giornalista di LaC e direttore de Il Vibonese Stefano Mandarano, autore di diverse inchieste sulla sanità ed esperto di temi legati alla salute. A completare il palcoscenico degli ospiti ci sarà don Ennio Stamile, referente regionale di Libera che, parlerà delle commistioni e i legami tra ndrangheta e malasanità nella regione Calabria.