La più antica biografia di San Francesco di Paola ha 500 anni ed è scritta in dialetto calabrese

L’opera, conservata nella Biblioteca universitaria di Barcellona, è al centro di un libro curato da padre Rocco Benvenuto e presentato a Pizzo nel santuario paolano

L’opera, conservata nella Biblioteca universitaria di Barcellona, è al centro di un libro curato da padre Rocco Benvenuto e presentato a Pizzo nel santuario paolano

Informazione pubblicitaria
La presentazione del libro
Informazione pubblicitaria

Ieri, nel Santuario di San Francesco di Paola di Pizzo, in una cornice di pubblico davvero delle grandi occasioni, si è potuto assistere alla presentazione di due testi attinenti il santo paolano.

Informazione pubblicitaria

Mons. Giuseppe Morosini, arcivescovo metropolita di Reggio Calabria, autore del libro “La Caritas Sacrificalis – Il rapporto tra penitenza e carità in San Francesco di Paola” e padre Rocco Benvenuto, curatore di una biografia del santo scritta da un anonimo calabrese “Vita del glorioso Padre di Paola – La prima biografia sull’Eremita scritta in Calabria”, hanno illustrato i propri lavori ad una attenta e nutrita platea. 

Di alto interesse entrambi i testi presentati, l’uno dal punto di vista teologico, l’altro più storico. In particolare, l’opera curata dal Padre Rocco Benvenuto, scritta in vernacolo calabrese e conservata nella Biblioteca Universitaria di Barcellona in Spagna, è stata copiata nel 1560 nel convento dei Minimi a Corigliano Calabro, ad oggi, risulta essere la più antica biografia scritta in italo-calabrese. 

«Corredata da una versione italiana – ha affermato padre Rocco –  che facilita la comprensione dei termini in vernacolo ormai desueti, grazie alla vita dell’anonimo calabrese si è potuta svelare l’inconsistenza di certe inveterate tradizioni agiografiche e recuperare, nel contempo, talune testimonianze di grande utilità per conoscere la società e la medicina in Calabria sotto gli Aragonesi».

Durante la presentazione sono stati eseguiti tre brani musicali a cura della Cappella musicale del Santuario diretta dal maestro Diego Ventura, il quale ha fatto anche da moderatore alla serata.