Carattere

Illustrati ad esperti del settore e tour operator tre percorsi turistico-culturali che raggruppano tutti i Comuni della provincia 

Mirabello, Papillo e Barbalace
Economia e Lavoro

“Terre vibonesi” apprezzate anche alla Borsa internazionale del turismo di Milano. Prosegue, infatti, la promozione del territorio da parte del Gal che con una delegazione guidata dal presidente Vitaliano Papillo e dall’amministratore delegato Franco Barbalace è stata accolta nello stand della regione Calabria (nelle giornate di domenica e oggi) per presentare al grande pubblico il territorio vibonese e le sue particolarità turistiche, tante quanti sono i centri che, dal mare alla montagna, lo compongono. 

Una vetrina importante aperta sul mondo cui il neonato Gal non ha voluto mancare, ponendosi in una nuova ottica di rilancio di una vasta area territoriale che ha tutte le carte in regola per dimostrare il proprio grande valore attrattivo. In tale prospettiva già domenica la delegazione ha avuto l’opportunità di incontrare tour operator, giornalisti, operatori del settore enogastronomico e del turismo culturale di altre regioni, che si sono dimostrati estremamente interessati alle attrattive offerte dalle  “Terre Vibonesi”, tanto da arrivare a stringere una serie di rapporti di cooperazione strategica i cui risultati non dovrebbero tardare a far vedere i loro effetti. 

Oggi, invece, la delegazione vibonese, insieme al consigliere regionale Michele Mirabello come delegato al settore turistico, ha presentato alla stampa ed ai tour operator gli itinerari turistici delle terre vibonesi e le strategie che si intendono adottare insieme agli operatori del settore per promuoverli. Alla Bit era presente anche il commissario del Parco delle Serre Giuseppe Pellegrino. Sono stati illustrati tre percorsi che raggruppano tutti e 49 i centri della provincia in altrettanti macrogruppi (comuni costieri, comuni collinari e comuni montani), da visitare facendo uno straordinario viaggio tra enogastronomie, sapori, paesaggi, arti, riti religiosi e luoghi di culto, culture, nature, storie, mari che sono come i tanti colori che dipingono ciascuno dei centri in un uno straordinario quadro che è la provincia di Vibo. A parere del Gal Terre vibonesi, dunque, si è trattato di un «bilancio più che positivo».

Seguici su Facebook