Lavoro, tutele, equità: a Maierato il congresso regionale della Uila

L’appuntamento congressuale, alla presenza dei vertici della sigla del settore agroalimentare della Uil, sarà incentrato sui temi dell’impiego regolare e dei diritti degli addetti al comparto  

L’appuntamento congressuale, alla presenza dei vertici della sigla del settore agroalimentare della Uil, sarà incentrato sui temi dell’impiego regolare e dei diritti degli addetti al comparto  

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

+ Lavoro, + tutela, + equità, + partecipazione”. Sarà improntato ai temi del lavoro regolare, delle tutele per gli addetti del comparto e della garanzia dei diritti contrattuali il VI Congresso regionale dell’Unione italiana lavori agroalimentari (Uila) della Calabria che si terrà il prossimo venerdì 6 aprile, con inizio alle 9.30, al Popilia Country Resort di Maierato. Il sindacato di categoria del settore agroalimentare della Uil, si ritroverà all’importante appuntamento con l’obiettivo di ribadire le parole chiave dell’impegno a favore dei lavoratori, per un impiego degno, regolare, a tempo pieno, indeterminato, giustamente retribuito e svolto in sicurezza

Informazione pubblicitaria

Interverranno, nell’occasione, il segretario regionale generale Uil Calabria Santo Biondo, che presiederà l’assemblea; il segretario regionale generale Uila Calabria Antonio Merlino, che relazionerà sui temi del congresso; il segretario generale nazionale Uila Stefano Mantegazza. Tra le proposte anticipate dal segretario Merlino, e che verranno reiterate nel corso del lavori, l’istituzione, prevista dalla legge, della cabina di regia sul lavoro agricolo in ogni sede Inps e lo sviluppo della Rete del lavoro agricolo a livello territoriale

Con particolare riferimento alla Calabria, si propone la sottoscrizione di un protocollo tra istituzioni, aziende, organizzazioni sindacali e datoriali, che valorizzi tutte le aziende virtuose a dispetto di quelle che non rispettano i contratti collettivi nazionali e la dignità dell’essere umano, auspicando la creazione di un “marchio etico” che garantisca i diritti dei lavoratori, ma anche la qualità del prodotto finale per i consumatori. Grazie alle sue produzioni di eccellenza, infatti, la Calabria può divenire l’avamposto di un nuovo modello di sviluppo, capace di produrre posti di lavoro e ricchezza, facendo della qualità dei prodotti, l’arma vincente per la conquista dei mercati mondiali.