Trasversale Serre, sindaci e Anas a confronto: «Lunedì al via i lavori su due tratti»

Una delegazione di nove primi cittadini vibonesi ha incontrato il coordinatore territoriale Giuseppe Ferrara. I lotti Cimbello-Montecucco e Serre-Scornari completati entro ottobre

Una delegazione di nove primi cittadini vibonesi ha incontrato il coordinatore territoriale Giuseppe Ferrara. I lotti Cimbello-Montecucco e Serre-Scornari completati entro ottobre

Informazione pubblicitaria

Una delegazione di sindaci delle Serre vibonesi, guidata dal primo cittadino di Serra San Bruno, Luigi Tassone, e composta da Francesco Fazio (Fabrizia), Cosimo Damiano Piromalli (Spadola), Bruno Iorfida (Mongiana), Ovidio Romano (Simbario), Antonio Demasi (Nardodipace), Tiziana De Nardo (Pizzoni), Abdon Egidio Servello (Vallelonga) e Vincenzo Massa (Vazzano), ha incontrato questa mattina il responsabile del coordinamento territoriale Anas Calabria, Giuseppe Ferrara, e i vertici dell’azienda per fare il punto della situazione sulla Trasversale delle Serre.

Con riferimento, in particolare, al tratto che va da località Cimbello al bivio di Montecucco e a quello SerreScornari, si apprende che nella giornata di lunedì prossimo prenderanno il via i lavori, che saranno completati entro ottobre, e di conseguenza, verrà avviato il cantiere. La discussione è proseguita relativamente al superamento dello Scornari, per il quale la Regione Calabria aveva stanziato una somma pari a 16 milioni di euro. In questo caso, si sta procedendo con la realizzazione del progetto definitivo, con l’appaltabilità in programma per il 2018 e l’inizio dei cantieri nel 2019. Per il tratto del cimitero di Vazzano, invece, è in corso di definizione il progetto definitivo, mentre l’appaltabilità è prevista per il 2018. L’attenzione si è poi spostata sul tratto Vallelonga-Vazzano. Qui l’appaltabilità è stata fissata per il 2019 e l’inizio dei cantieri nel 2020. Più complicata la situazione relativa al tratto Gagliato-Satriano, visto che a fronte dei 190 milioni di euro che servono per il suo completamento, ad oggi sono disponibili solo 54 milioni

«L’incontro – hanno affermato i sindaci – è stato positivo. Da parte nostra, il livello di attenzione sarà altissimo affinché il cronoprogramma venga rispettato e, periodicamente, incontreremo i vertici dell’Anas, anche perché ormai il tempo delle attese e degli annunci è terminato. Chiediamo, inoltre, ai neo eletti – e, in particolar modo, a chi fino ad ora ha portato avanti una protesta strumentale per meri scopi politici – di impegnarsi a trovare i circa 140 milioni che mancano per il tratto Gagliato-Satriano. È necessario un impegno serio del governo in tale direzione. Bisognerà trovare questi soldi, il resto sono solo chiacchiere».