mercoledì,Luglio 28 2021

“Caffè Tropea”, nasce la miscela biologica con l’acquarello di Franco Petrolo

Un omaggio al borgo dei borghi 2021 con un prodotto creato da una torrefazione artigianale di Vibo Marina che punta alla valorizzazione del territorio

“Caffè Tropea”, nasce la miscela biologica con l’acquarello di Franco Petrolo
L’acquarello di Franco Petrolo

La nuova miscela è ideata da Maragò Caffè, torrefazione artigianale con sede a Vibo Marina. Un omaggio al Borgo dei Borghi 2021, un prodotto che unisce passione artigiana, creatività e valorizzazione del territorio. Un caffè biologico, in edizione limitata, che si presenta in una confezione esclusiva: l’acquarello firmato dal pittore vibonese Franco Petrolo.
A presentare il nuovo prodotto è Dario Messina di Maragò Caffè: «Ci sono tanti modi per esprimere l’amore per un luogo e un territorio. Maragò Caffè lo ha fatto nel modo che più gli si addice: una nuova miscela. L’idea di Caffè Tropea – spiega Dario – nasce innanzitutto dal desiderio di rendere omaggio al Borgo dei Borghi 2021. Questo riconoscimento ci inorgoglisce come calabresi e ci rende ancora più consapevoli di quanto questa terra sia ricca di bellezze e di risorse da promuovere, anche attraverso un caffè di qualità. Il senso di ospitalità dei calabresi è proverbiale, quale modo migliore che dare il benvenuto ai turisti con un buon caffè?– osserva ancora Dario Messina-. Non è la prima volta che Maragò Caffè fa della valorizzazione del territorio il cardine della sua attività di ricerca e marketing territoriale. Dal laboratorio di Vibo Marina è nato Caffeotto, il primo caffè al bergamotto che si sta facendo conoscere in tutto il mondo, dalla Germania a Dubai. Lungo questa scia, ora è la volta di “Caffè Tropea”. Il nostro grazie va al sindaco Giovanni Macrì e all’amministrazione che ci hanno concesso l’autorizzazione per utilizzare il nome della città per il nostro nuovo prodotto. L’impegno di Maragò – conclude Dario Messina – è quello di contribuire a promuovere Tropea come brand di successo in Italia e all’estero attraverso un caffè di qualità». [Continua in basso]

La definizione completa che si legge sulla confezione è: “Tropea, il caffè della rupe”, come elemento identificativo della sua bellezza e peculiarità. Dal punto di vista della composizione, si tratta di un macinato per moka ottenuto con grani selezionati, provenienti da India, Messico, Etiopia e Honduras. Oltre ad essere un prodotto selezionato, è anche certificato “biologico” in coerenza con la filosofia aziendale della torrefazione artigianale vibonese, che privilegia etica ed eco sostenibilità (rigorosa ricerca della materia prima, rispetto dell’ambiente, scelta di produttori che tutelino le condizioni di lavoro dei coltivatori).

In questo prodotto, l’arte del caffè ha anche incontrato l’arte figurativa. Sul pack figura, infatti, un acquarello di Franco Petrolo che rende ancora più esclusiva la confezione. Un artista che ha legato le sue opere alla storia, alle tradizioni e alla gente di Calabria e questo vale anche per l’acquarello dedicato alla Perla del Tirreno: il mare, lo Stromboli sullo sfondo, il santuario di Santa Maria dell’Isola sono raffigurati in un’atmosfera quasi onirica. Un’opera che vuole anche essere un omaggio alla storia di Tropea, alla sua cultura e all’identità mediterranea.

LEGGI ANCHE: Da Vibo agli Emirati, il caffè al bergamotto sbarca a Dubai

Dall’idea di un’azienda vibonese nasce il primo caffè al bergamotto

top