La Bcc del Vibonese entra nel Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea

Traguardo storico per l’istituto di credito di San Calogero e Maierato. La soddisfazione del presidente Francesco Muzzopappa e del direttore generale Antonella Sacco

Traguardo storico per l’istituto di credito di San Calogero e Maierato. La soddisfazione del presidente Francesco Muzzopappa e del direttore generale Antonella Sacco

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’assemblea dei soci della Bcc del Vibonese, riunitasi in forma straordinaria, ha deliberato la modifica dello statuto della Bcc, al fine di consentire alla Banca di aderire al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea. Un atto, propedeutico alla scelta di adesione, in base a quanto stabilito dalla legge 49/2016 di riforma del Credito Cooperativo e dalle sue successive modifiche. La delibera proposta dal CdA è stata adottata all’unanimità con 968 voti espressi dai presenti. Il voto dell’Assemblea rappresenta senza dubbio un atto storico per la BCC e per lo sviluppo delle sue attività a beneficio dei soci e del territorio. Contestualmente, si conclude un’altra tappa della riforma iniziata nel 2015, che ha coinvolto il Credito Cooperativo in un percorso di rinnovamento, preservando al contempo la storia ed i tratti caratteristici della mutualità bancaria cooperativa.“Siamo oltremodo compiaciuti e soddisfatti –spiega l’avvocato Francesco Muzzopappa, presidente del CdA – per il raggiungimento di questo traguardo storico che consente alla nostra Bcc del Vibonese di contribuire alla nascita di un grande Gruppo bancario Cooperativo in Italia. I nostri soci, dal canto loro, hanno perfettamente compreso, approvando la proposta del CdA all’unanimità, come la riforma che ha voluto riunire le BCC nel nuovo Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea non solo non cancella la storia, la natura e la vocazione delle Bcc, ma le inserisce in un sistema nazionale che garantisce maggiore solidità e permette di effettuare investimenti e ottenere sinergie fino ad ora impossibili da realizzare. Permette in sostanza di continuare a fare meglio quello che le Banche di Credito Cooperativo hanno sempre fatto: lo sviluppo e il sostegno del loro territorio, mettendo a disposizione dell’economia locale ulteriori e più qualificate risorse in grado di dare sempre più concretezza al concetto proprio di banca del territorio”. Dal canto suo, il direttore generale della Bcc del Vibonese (San Calogero e Maierato) – Antonella Sacco – ha sottolineato come “La nascita del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea rappresenta un momento di vera e propria ri-fondazione del Credito Cooperativo. Si tratta di un momento storico al pari di quello in cui le Casse Rurali ed Artigiane lasciarono il posto alle attuali Bcc. Le Bcc di domani saranno più forti, più solide e più efficaci perché affiliate ad un Gruppo Bancario Cooperativo che potrà mettere a fattor comune i punti di forza e correggere gli eventuali punti di debolezza delle singole aziende aderenti. Di questo grande Gruppo farà parte la nostra Bcc del Vibonese”. Il costituendo Gruppo bancario Cooperativo Iccrea prende dunque forma e potrà contare sull’adesione di 142 BCC, che operano su 1738 comuni con una rete di 2.647 filiali. Sarà fondato su una solida base sociale di 750.000 soci con più di quattro milioni di clienti con uno patrimonio netto di 11,5 miliardi di euro, un attivo di 148 miliardi, impieghi lordi per 93,3 miliardi e una raccolta diretta per 102,4 miliardi. Con questi numeri e per il numero di Bcc coinvolte, il Gruppo bancario Cooperativo Iccrea si avvia a diventare a tutti gli effetti la prima banca locale del Paese.   LEGGI ANCHE: Bcc del Vibonese, ecco i nuovi consiglieri che siedono nel Cda (NOMI)

Informazione pubblicitaria

Bcc del Vibonese, investitura definitiva per Muzzopappa eletto presidente