mercoledì,Settembre 28 2022

Viaggio alle origini del vino, la gara enologica internazionale fa tappa a Pizzo

L’evento si svolge nell’ambito del progetto di cooperazione regionale “Terre di Calabria”. L’appuntamento vibonese viene curato dal Gal

Viaggio alle origini del vino, la gara enologica internazionale fa tappa a Pizzo

Tappa napitina per 29esima edizione del Concours Mondial de Bruxelles, gara enologica internazionale tra le più importanti al mondo che si svolgerà in Calabria dal 19 al 22 maggio, giorno conclusivo a Rende, dove circa 350 giurati valuteranno 8 mila vini di 50 Paesi diversi. [Continua in basso]

L’evento, che si svolge nell’ambito del progetto di cooperazione regionale “Terre di Calabria”, rappresenta una vetrina prestigiosa per il territorio calabrese che, su indicazione dell’assessorato regionale all’agricoltura, per il vibonese sarà curata dal Gal, venerdì 20 maggio, dalle 18:00, in piazza della Repubblica a Pizzo. Istituito in Belgio nel 1994 dal giornalista Louis Havaux, dal 2006 il concorso è itinerante anche nel resto d’Europa. La Calabria è una regione con una storia vitivinicola millenaria, ancor prima dalla Magna Graecia. Non per niente rientrava in quella regione chiamata “Enotria”, ossia terra del vino. Da qualche anno anche il vibonese vanta ottime produzioni, quindi una tappa qui era d’obbligo, così come lo è la scelta di affidare la cura dell’evento al Gal, che di turismo, produzione agricola e sviluppo si occupa a 360°.

Varie le iniziative previste, destinate esclusivamente a una delegazione di invitati tra giudici, buyers e giornalisti di settore, accolti dal presidente, Vitaliano Papillo, e dall’intero staff del Gal, che da giorni si prodigano per la buona riuscita di un pomeriggio all’insegna della bellezza, con visita guidata al castello “Murat”, della musica popolare, con la melodia degli “Etno Pathos”, e della prelibatezza, con la presenza di alcune eccellenze del territorio: Associazione viticoltori vibonesi; Consorzio cipolla rossa di Tropea Calabria Igp; Consorzio ‘Nduja di Spilinga; Consorzio pecorino del Poro Dop; Giacinto Callipo conserve alimentari; Distillerie Caffo; Gelateria artigianale di Domenico Penna; Maestri vasai di Gerocarne, Artigiano di penne in legno fatte a mano. Non mancherà uno spettacolo per la vista e il palato, con uno show cooking degli chef Giuseppe Romano (“Me Restaurant”), Bruno Tassone (“San Domenico”) e Roberto Spizzirri (docente “Maccaroni Chef Academy”), che ovviamente si cimenteranno in eleganti e prelibati piatti preparati con prodotti locali. Il tutto, naturalmente, predisposto cercando di rispondere alla mission del Gal: mostrare il “meglio” di un territorio che già può vantare il “meglio” della produzione enogastronomica regionale.

Articoli correlati

top