La Fillea-Cgil in piazza per i diritti dei lavoratori immigrati

Il sindacato del settore edile partecipa alla mobilitazione nazionale con un presidio davanti alla Prefettura per chiedere il rinnovo dei permessi di soggiorno per attesa occupazione

Il sindacato del settore edile partecipa alla mobilitazione nazionale con un presidio davanti alla Prefettura per chiedere il rinnovo dei permessi di soggiorno per attesa occupazione

Informazione pubblicitaria

In occasione della mobilitazione nazionale per il rinnovo dei permessi di soggiorno per attesa occupazione, che si terrà domani, martedì 28 giugno, la Fillea Cgil comunica che organizzerà un presidio-manifestazione sotto gli uffici della Prefettura di Vibo Valentia dalle ore 10 alle 12.

Informazione pubblicitaria

Il sindacato di categoria dei lavoratori edili chiede, in particolare, la proroga della durata del permesso di soggiorno per attesa occupazione ad almeno 24 mesi; di rivedere le posizioni delle lavoratrici e lavoratori immigrati che hanno perso il lavoro ed il permesso di soggiorno; di combattere il lavoro nero ed il grave sfruttamento delle lavoratrici e dei lavoratori immigrati; la messa in atto di politiche attive del lavoro tese ad una maggiore inclusione sociale di tutti; di prevenire il fenomeno dell’apertura delle partite iva finalizzato al rinnovo del permesso di soggiorno.

La Fillea chiede inoltre «che la Prefettura faccia da tramite con la Questura al fine di sensibilizzarla su tematiche importanti come: accorciare i tempi di rilascio e rinnovo dei permessi di soggiorno, delle domande di cittadinanza e dei nulla osta per ricongiungimento familiare; convocare e/o informare, con qualsiasi mezzo di comunicazione, i patronati e gli sportelli per gli Immigrati, per discutere insieme delle problematiche inerente i documenti degli stranieri presenti sul territorio vibonese (novità, documentazione richiesta, ecc.)».