Tropea, una stagione turistica di respiro internazionale – Video

La città simbolo della Costa degli dei traccia un bilancio dell’estate 2019: segno più e visitatori da ogni parte del mondo

La città simbolo della Costa degli dei traccia un bilancio dell’estate 2019: segno più e visitatori da ogni parte del mondo

Informazione pubblicitaria

Il turismo a Tropea è sempre più a carattere internazionale. Anche nel 2019 la capitale calabrese delle vacanze si conferma meta preferita dei visitatori stranieri, un trend in costante crescita che ogni anno aggiunge nuovi tasselli. Stavolta è boom di arrivi da oltreoceano: Argentina, Stati Uniti, Canada, Australia, oltre che gli ormai consueti russi e i nuovi flussi dall’est Europa, come Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia. Ore e ore di volo per venire a scoprire una terra meravigliosa che offre moltissimo in termini esperienziali: mare, cultura, enogastronomia, archeologia, folklore. La Calabria e la Costa degli dei rappresentano quanto di più ricco possa cercare chi insegue la “dolce vita”, fatta di spritz sorseggiati di fronte a un tramonto sullo Stromboli e di un tuffo ammirando i palazzi settecenteschi arroccati sulla rupe. La stagione turistica nella città d’Ercole è ancora nel pieno, destinata a concludersi in autunno inoltrato dopo il sovraffollamento agostano, ma è già possibile tracciare un significativo bilancio da parte degli operatori. Il primo che incontriamo è Cesare Adilardi, ristoratore, titolare di uno dei locali più noti del centro (Da Cecè), il quale si dice «abbastanza soddisfatto della stagione, dopo una partenza terribile». Aprile e maggio sono stati infatti mesi stagnanti, probabilmente per via del tempo molto incerto. «Ma già da giugno le cose hanno iniziato a cambiare», ci spiega. È lui a confermarci il carattere internazionale del turismo tropeano: «Molti americani, australiani ed est-europei sono passati e continuano a passare da qui». Un dato confermato dal presidente degli albergatori, Massimo Vasinton: «Stagione sicuramente positiva, nonostante un maggio sotto tono. Quello che spicca è la provenienza dei visitatori: dalla mia struttura passano moltissimi argentini originari della Calabria in cerca dei propri antenati. E, dato ancora più particolare, la nostra terra è oggetto di un notevole passaparola: sono centinaia i turisti che poi la consigliano ad amici e parenti. I feedback sono quindi sicuramente positivi, anche quest’anno Tropea è promossa a pieni voti».

Informazione pubblicitaria