“Mediterraneo nel borgo”, prevista la partecipazione di quattro istituti superiori

Fondamentale binomio tra la manifestazione e le scuole per divulgare conoscenze e bellezza della tradizione enogastronomica e storica del territorio
Fondamentale binomio tra la manifestazione e le scuole per divulgare conoscenze e bellezza della tradizione enogastronomica e storica del territorio
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ai nastri di partenza l’evento “Mediterraneo nel Borgo”, che si svolgerà nelle tre giornate del 26, 27 e 28 settembre a Stefanaconi. Fortemente voluta dal sindaco di Stefanaconi, nonché presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, l’iniziativa, che è nata per valorizzare il paesaggio, lo stile di vita e la buona cucina dei borghi italiani, rappresenta un’occasione d’incontro anche tra diverse istituzioni (parteciperanno, infatti, personaggi di spicco della politica e amministratori locali di varie regioni) e vede la partecipazione di ben quattro istituti scolastici superiori di Vibo Valentia (il liceo statale “Capialbi”, lo Scientifico “Berto”, il Conservatorio “Torrefranca” e l’Istituto Alberghiero “Gagliardi”). La presenza di queste scuole qualifica ulteriormente il progetto, non solo per la collaborazione attiva alla realizzazione dell’evento, ma soprattutto per l’avvio di rapporti di alternanza scuola-lavoro, estremamente significativi per il futuro professionale degli studenti. Il Berto partecipa all’evento con il progetto “Sport e benessere”. «La partnership con il Comune di Stefanaconi – sostiene la preside, Caterina Calabrese – rappresenta un’occasione importante per far conoscere e promuovere un’offerta formativa così peculiare come la nostra, che condivide in pieno la filosofia di un nutrimento sano ed equilibrato, che punta sugli straordinari prodotti del territorio». Per il Capialbi, il dirigente Antonello Scalamandrè afferma: «La scuola partecipa nella convinzione che la rivitalizzazione dei borghi antichi sia un obiettivo di grande rilevanza strategica. Avendo, infatti, un indirizzo musicale e uno coreutico, vogliamo presentare “artisticamente” – continua Scalamandré – i nostri allievi al territorio per far conoscere qual è la nostra offerta formativa e, soprattutto, per mostrare la loro competenza».

Informazione pubblicitaria

L’Alberghiero guidato da Pasquale Barbuto è il partner scolastico più naturale, ovviamente, attento alla cultura del cibo e alle vocazioni territoriali, e da sempre rappresenta un “laboratorio” aperto al territorio, pronto a offrire conoscenze e competenze come, ad esempio, ampiamente dimostrato dal corso serale per adulti e lavoratori che da qualche anno richiama molte persone (anche professionisti) appassionate di enogastronomia. Altra importante realtà formativa coinvolta è il Conservatorio. Per Francescantonio Pollice, direttore dell’Istituto, «è naturale collaborare con iniziative qualificate che si realizzano nel territorio vibonese. Quando il sindaco Solano ci ha chiesto di partecipare, insieme ad altre agenzie formative, a questo progetto, noi abbiamo aderito con grande entusiasmo. Abbiamo dato corso a questa partnership attraverso eventi musicali, ideati in modo congruo rispetto a quella che è la logica del progetto e le sue esigenze espressive».