Italcementi, per la Regione l’unica via è la riconversione dell’impianto (VIDEO)

«Quello vibonese è un caso diverso da Castrovillari - scrive la Giunta -. Necessario riprendere il confronto con le parti sociali e le istituzioni locali»

«Quello vibonese è un caso diverso da Castrovillari - scrive la Giunta -. Necessario riprendere il confronto con le parti sociali e le istituzioni locali»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Il tavolo convocato dal Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e dall’assessore Barbalace, con le parti sociali ed i rappresentanti istituzionali, fa seguito prioritariamente alla volontà e determinazione di scongiurare la chiusura dello stabilimento di Castrovillari alla stregua di quanto avvenuto qualche anno fa per il sito di Vibo Valentia e quindi tutelare i livelli occupazionali esistente. E’ opportuno quindi, in questa fase, valutare le intenzioni di Italcementi Heidelberg Group sulla continuità operativa del sito di Castrovillari che in occasione dell’incontro convocato con la presenza delle parti sociali, dovrà esprimersi su questioni contingenti e future».

Informazione pubblicitaria

Lo stabilimento di Vibo Marina escluso dalla vertenza Italcementi, Patania furioso

È quanto si legge in una nota diramata dall’ufficio stampa della giunta regionale in merito al tavolo di concertazione convocato per il 15 dicembre prossimo sulla vertenza Italcementi. Tavolo che, come spiegato dalla Regione, affronterà esclusivamente la vicenda legata al sito di Castrovillari.

Italcementi, Lo Schiavo e Pilegi chiedono un consiglio comunale urgente

Questo perché, si legge più avanti, «la situazione del sito di Vibo Valentia si presenta in termini sostanzialmente diversi. Non vi è alcuna sottovalutazione da parte della Giunta Regionale della situazione determinatasi a Vibo in termini occupazionali a seguito della chiusura dello stabilimento Italcementi. Anzi lo stabilimento Italcementi di Vibo è stato definitivamente chiuso nel 2012 ed in quella fase sarebbe stato utile e necessaria un’adeguata e più incisiva azione per ricercare una soluzione positiva per le prospettive produttive e occupazionali relative a quel sito industriale. Il problema oggi si ripresenta oggettivamente in termini diversi. Per il sito industriale Italcementi di Vibo si tratta di lavorare ad una ipotesi di riconversione degli impianti e di riutilizzazione produttiva del sito. Su ciò è necessario riprendere il confronto con le parti sociali e le istituzioni locali».

Italcementi, per Mirabello è «necessario ripartire dallo studio Nomisma»