lunedì,Luglio 4 2022

Contratti decentrati al Comune, la Cisal elogia l’assessore e ammonisce i dirigenti

Da Antonello Nusdeo ringraziamenti alla delegata al Personale Loredana De Marco e strali contro «qualche figura apicale incapace e irriverente»

Contratti decentrati al Comune, la Cisal elogia l’assessore e ammonisce i dirigenti

Nel corso dell’assemblea del personale del Comune di Vibo Valentia, che si è svolta lo scorso 30 novembre, le Rsu che hanno organizzato l’incontro (Cisl, Cisal, Cgil e Diccap) hanno «elogiato l’assessore alle Politiche del personale Loredana De Marco per l’impegno e la disponibilità al dialogo grazie ai quali è stato possibile in tempi record approvare in sede di delegazione trattante ben cinque contratti decentrati».

«Gli apprezzamenti nei confronti dell’amministratore – si legge in un comunicato a firma di Antonello Nusdeo, Rsu Cisal – però, non sono poi così apertamente trapelati nel documento, redatto a firma congiunta tra le Confederazioni sindacali e le Rsu, diramato agli organi di stampa al termine dell’assemblea, se non l’esclusiva responsabilità della parte politica. Questa imperfezione sta alla base del condivisibile pubblico intervento della Cisl che di recente ha inteso rinnovare gli elogiare per l’operato della De Marco».

Riorganizzazione burocratica e contratti decentrati, dipendenti comunali in assemblea

Con la nota stampa trasmessa alla fine dell’incontro del 30 novembre, a fronte dell’insoddisfazione del personale nel denunciare lo stato di disagio si annunciava, tra l’altro, una possibile successiva proclamazione dello stato di agitazione se non si fosse verificata una inversione di tendenza – ad esempio – sulla questione più complessiva e rilevante della riorganizzazione burocratica.

«Su questa atavica problematica – a parere di Nusdeo -, si auspicherebbe un più razionale utilizzo dell’ormai esiguo personale alle dipendenze dell’ente perché, attualmente, di fatto, il merito e la premialità vengono lasciati gestire da qualche figura apicale incapace e irriverente, maldestra e non più tollerante, che, invece di valorizzare e utilizzare le risorse con raziocinio e nel vero rispetto delle regole, si lascia sopraffare da una propria individualità non adeguata al ruolo che occupa e tra simpatie e antipatie arreca ulteriori e inestimabili danni all’ambiente di lavoro, all’amministrazione comunale ed alla collettività».

Di chi è la colpa? si chiede Nusdeo. «Esclusivamente di chi con arroganza e incompetenza continua a gestire sempre maggiore potere? E chi impartisce le direttive politiche e poi acconsente di fare tutto e il contrario di tutto è forse indenne?».

Comune, approvati i contratti decentrati

Tuttavia, si conferma la «fattiva collaborazione e la disponibilità al dialogo già manifestati nei confronti dell’assessore al personale De Marco che, ad esempio, sulla questione dei vari istituti contrattuali con una lodevole “forzatura” ha fatto sì che si riducesse il ritardo dei futuri pagamenti delle indennità contrattuali 2011-2015».

Infine per il rappresentante della Cisal «questa meritata esaltazione si carica di ulteriore responsabilità perché bisogna essere in grado di dimostrare che da qui in avanti si intende lavorare anche per ristabilire un clima di serenità e collaborazione tra personale e amministrazione comunale troppo spesso sfacciatamente calpestato da chi con pochi scrupoli mira soltanto a consolidare la propria supremazia su tutto e tutti. A quando, pertanto, il prossimo fattivo incontro per scongiurare la proclamazione dello stato di agitazione?».

top