Finanziato il piano per far rinascere il paese abbandonato di Nicastrello

Il progetto sostenuto dal bando sui borghi della Regione prevede il recupero degli antichi edifici e la realizzazione di un albergo diffuso, di una Spa, di un orto botanico ed altro ancora. Ad annunciarlo il sindaco di Capistrano Marco Martino
Il progetto sostenuto dal bando sui borghi della Regione prevede il recupero degli antichi edifici e la realizzazione di un albergo diffuso, di una Spa, di un orto botanico ed altro ancora. Ad annunciarlo il sindaco di Capistrano Marco Martino
Informazione pubblicitaria
Il borgo abbandonato di Nicastrello (foto paesifantasma.it)
Informazione pubblicitaria

Il sindaco di Capistrano Marco Martino, insieme ai dirigenti di settore della Regione Calabria, ha formalizzato l’atto d’impegno per la realizzazione del progetto per il recupero dei borghi denominato “Nicastrello”. Un progetto finanziato per un importo pari a 1,5 milioni di euro di cui 350mila euro utilizzabili, spiega il primo cittadino, a breve termine. «Il progetto – aggiunge -, realizzato con la collaborazione dell’Università Mediterranea e curato dall’architetto Immacolata Lorè, ha avuto un significativo risvolto. Tante le opere da realizzare, tanti gli obiettivi da conseguire. Il progetto infatti prevede il restauro e la ristrutturazione di ruderi ancora esistenti all’interno di un antico borgo disabitato un tempo comune a se e adesso frazione di Capistrano. Un minuscolo paesello formato da poche casupole con degli scorci di antichità risalenti a diversi secoli fa». L’obiettivo del finanziamento, si spiega ancora, «sarà quello di costituire un albergo diffuso rendendo il borgo una zona di grande attrattività turistica che avrà come punto di forza 25 posti letto, Spa, attività culinarie, la riscoperta degli antichi grani e delle antiche farine, orto botanico, attivazione e ripristino dell’antico mulino, parco giochi e tanto altro. Per non parlare delle iniziative culturali. Puntiamo – ha concluso Martino – a riqualificare un’area abbandonata ormai da decine e decine di anni. Tenuta in vita solo grazie ad alcuni agricoltori del luogo. Sono convinto rappresenterà un punto di eccellenza dell’ intero comprensorio. Puntiamo ad una cerchia di turisti innamorati di queste location e non ho dubbi che il progetto Nicastrello offrirà un forte impulso di crescita e di turismo».

Informazione pubblicitaria