Maurizio Landini a Vibo per l’assemblea regionale della Cgil

Il segretario generale nazionale prenderà parte all’Attivo dei quadri e dei delegati che si terrà nella sala consiliare della Provincia
Il segretario generale nazionale prenderà parte all’Attivo dei quadri e dei delegati che si terrà nella sala consiliare della Provincia
Informazione pubblicitaria
Il segretario Cgil Maurizio Landini
Informazione pubblicitaria

Il lavoro e la legalità per una Calabria libera” è questo il tema scelto per la grande assemblea dei quadri e delegati della Cgil calabrese, in programma per venerdì 10 gennaio, con inizio alle ore 10, che si svolgerà nella alla consiliare della Provincia di Vibo Valentia.

«Un appuntamento di grande importanza e di particolare significato – si legge in una nota -, la cui relazione conclusiva sarà affidata al segretario generale nazionale della Cgil, Maurizio Landini».

Per l’occasione, dunque, i quadri e delegati di tutte le categorie confederali «si incontreranno e discuteranno su due questioni, legate a doppio filo, come quelle del lavoro e della legalità, per stimolare così un’analisi più accurata circa i reali problemi di questa regione. Provando anche ad immaginare, grazie dall’esperienza diretta dai luoghi di lavoro, di chi il lavoro lo vive in tutte le sue forme, anche irregolari, idee valide per un intervento in grado di favorire il lavoro, soprattutto per le giovani generazioni, e stimolare istituzioni e forze sociali ad avviare insieme un percorso di legalità, di formazione e di inclusione sociale, per generare sviluppo ed economia sana. E soprattutto la tutela dei diritti  dei lavoratori, a cominciare dalla regolarità contrattuale e contributiva, fino al rispetto dei Contratti collettivi nazionale».

Ma non solo, per il sindacato «occorre dare anche una risposta all’emergenza del precariato, dare qualità al lavoro e puntare sulla sostenibilità, l’innovazione e welfare. L’assemblea di venerdì, dunque, con l’incontro di diverse esperienze del mondo del lavoro – conclude la nota -, sarà un importante momento di confronto e condivisione, ma soprattutto di rilancio dell’idea fondamentale che lavoro e legalità rimangono legati in modo indissolubile».

Informazione pubblicitaria