Vincenzo Vinci nuovo presidente della sezione alimentare di Confindustria Vibo Valentia

L’imprenditore caseario subentra a Rocco Colacchio da poche settimane chiamato alla guida dell’associazione degli industriali vibonesi. «Lavoreremo per ottenere certificazioni Igp e Dop per i nostri prodotti» ha detto tra le altre cose

L’imprenditore caseario subentra a Rocco Colacchio da poche settimane chiamato alla guida dell’associazione degli industriali vibonesi. «Lavoreremo per ottenere certificazioni Igp e Dop per i nostri prodotti» ha detto tra le altre cose

Informazione pubblicitaria
Foto di gruppo per gli imprenditori del settore alimentare
Informazione pubblicitaria

«Dovremo garantire uno sviluppo sostenibile e duraturo alle nostre produzioni di qualità attraverso l’ottenimento dell’Igp e dove possibile della Dop, mantenendo ed ampliando le quote di mercato nazionali ed internazionali anche grazie alla riconoscibilità e tutela delle nostre eccellenze alimentari».

Informazione pubblicitaria

Con queste prime considerazioni, Vincenzo Vinci, esordisce alla guida della sezione alimentare vibonese, subentrando al presidente Rocco Colacchio da poche settimane chiamato alla presidenza generale di Confindustria.

«Lavorerò intensamente nel solco già tracciato dal Presidente Colacchio – ha aggiunto l’imprenditore caseario -, che nel corso degli ultimi anni ha portato grandi risultati per il sistema agroalimentare territoriale. Gli operatori del comparto hanno dimostrato nel tempo grandi capacità organizzative e produttive culminate con la scelta di approcciare ai mercati in forma “aggregata”, basti pensare alla costituzione della prima rete nel settore “food” in Calabria. Siamo convinti infatti che, chiunque venga chiamato a ricoprire incarichi nel nostro mondo – ha proseguito – debba lavorare in piena sinergia con tutti i colleghi imprenditori che rappresenta».

Rocco Colacchio nuovo presidente di Confindustria Vibo Valentia

E, ancora, «l’Italia vanta il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dall’Unione europea. Dimostrazione della grande qualità delle nostre produzioni, ma soprattutto del forte legame che lega le eccellenze agroalimentari italiane al proprio territorio di origine. Dovremo essere ancora più determinati nell’ottenere questi riconoscimenti molto utili anche a favorire il sistema produttivo e l’economia del territorio, promuovendo la tutela dell’ambiente, enfatizzando il legame indissolubile con il territorio di origine, nella consapevolezza della salvaguardia degli ecosistemi e della biodiversità e sostenendo la coesione sociale dell’intera comunità. Allo stesso tempo, dovremo intensificare la nostra presenza sui mercati extraregionali e internazionali, lavorando in sintonia con Enti e Istituzioni che possano rinforzare la presenza programmata delle nostre imprese alle principali manifestazioni dedicate al settore».

VIDEO | Colacchio nuovo presidente di Confindustria Vibo: «Fondamentale il dialogo con le istituzioni»

Per il neo presidente del settore alimentare di Confindustria Vibo Valentia, «le piccole e medie imprese vibonesi hanno necessità di crescere per affrontare con successo la loro stabile presenza sui mercati ma, per incrementare i fatturati, occorre non solo avere un buon prodotto ma anche saper tenere d’occhio la formazione delle risorse umane, le certificazioni di prodotto e di processo, il ricorso alle misure dei fondi comunitari. Il comparto agroalimentare vibonese – conclude Vinci – ha dimostrato di poter vincere la sfida della qualità globale anche in questi anni difficilissimi, adesso dovremo saper confermare i risultati conseguiti con la certezza che essi rappresentano solo un punto di partenza e non di arrivo».