Pensioni anticipate, ecco le modalità per il pagamento allo sportello

La direzione provinciale di Poste Italiane, di concerto con la Prefettura di Vibo, ha reso noto il calendario ripartito per cognomi per il saldo del mese di aprile
La direzione provinciale di Poste Italiane, di concerto con la Prefettura di Vibo, ha reso noto il calendario ripartito per cognomi per il saldo del mese di aprile
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si definiscono nel dettaglio le misure organizzative predisposte da Poste italiane in relazione al pagamento delle pensioni del mese di aprile, anticipato, com’è noto, a partire dal 26 marzo prossimo. La nuova organizzazione si è resa necessaria per evitare gli assembramenti e contrastare, in tal modo, la diffusione del coronavirus.

Ad informare sulle procedure è anche la Prefettura di Vibo Valentia che, di concerto con Poste, ricorda come “i soggetti titolari di un conto Banco Posta, di un libretto di risparmio o di una Postepay Evolution riceveranno l’accredito del rateo il 26 marzo. Tutti gli altri utenti, invece, potranno ritirare la pensione presso l’ufficio postale, prestando attenzione al calendario dei turni, ripartito per cognomi.

La preoccupazione dei lavoratori delle Poste di Vibo: «Dal 26 marzo sarà un inferno»

Informazione pubblicitaria

In particolare, si informa che la direzione provinciale di Poste Italiane, ha reso noto le modalità che saranno adottate che nel territorio della provincia di Vibo Valentia in base agli orari di apertura degli uffici.

Per gli uffici postali aperti 6 giorni: dalla A alla B giovedì 26 marzo; dalla C alla D venerdì 27 marzo; dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo; dalla L alla O lunedì 30 marzo; dalla P alla R martedì 31 marzo; dalla S alla Z mercoledì 1 aprile.

Per gli uffici postali aperti 5 giorni: dalla A alla C giovedì 26/3; dalla D alla G venerdì 27/3; dalla H alla M sabato 28/3; dalla N alla R lunedì 30/3; dalla S alla Z mercoledì 1/4.

Per gli uffici postali aperti 4 giorni: dalla A alla C giorno 1; dalla D alla K giorno 2; dalla L alla P giorno 3; dalla Q alla Z giorno 4.

Per gli uffici postali aperti 3 giorni: dalla A alla D giorno 1; dalla E alla O giorno 2; dalla P alla Z giorno 3.

Pertanto, si invita infine, «facendo appello al senso di responsabilità di tutti i percettori di pensione, si invitano gli stessi a voler verificare preventivamente il giorno per il quale è prevista l’erogazione del rateo di aprile presso l’Ufficio postale di competenza, ad attenersi alle prescrizioni fornite da Poste Italiane Spa, a rispettare le regole sulla distanza interpersonale e ad adottare ogni cautela necessaria alle contingenze del momento».