Coronavirus e turismo, il sindaco di Tropea: «Ci faremo trovare pronti per la ripartenza» – Video

Tra gestione dell’emergenza e volontà di guardare avanti, Giovanni Macrì lancia un appello a concittadini e imprenditori turistici: «Tiriamo il fiato per ricominciare alla grande»
Tra gestione dell’emergenza e volontà di guardare avanti, Giovanni Macrì lancia un appello a concittadini e imprenditori turistici: «Tiriamo il fiato per ricominciare alla grande»
Informazione pubblicitaria
La spiaggia più famosa di TRopea
Informazione pubblicitaria

«Tropea è la realtà che risentirà di più dell’emergenza coronavirus in tutta la Calabria e in tutta Italia». Non ha dubbi Giovanni Macrì, sindaco di quella che può essere considerata capitale del turismo calabrese: la crisi economica conseguente l’allarme sanitario sarà devastante per la Perla del Tirreno, più di ogni altra località.

«Turismo e coronavirus fanno a pugni – spiega -. Tropea in estate è assembramento, come si può gestire il turismo con un divieto di assembramento? Per questo dico che non sarà facile». [Continua]

Ombrelloni distanziati e mascherine in spiaggia: così nel turismo s’immagina la ripartenza

Informazione pubblicitaria

Una condizione di grande allarme, non solo economico, ma soprattutto sociale: «Abbiamo appena terminato la prima fase di erogazione dei buoni spesa, ma è stato un compito ingrato per alcuni versi, in quanto la popolazione non comprende che si è trattato di una misura rivolta non a contrastare la povertà in generale, ma ad andare incontro alle famiglie che, a causa del coronavirus, hanno dovuto affrontare una situazione inaspettata. Continueremo fra poco con la seconda fase, ma purtroppo i comuni sono stati abbandonati a loro stessi. La prima fornitura di mascherine degne di questo nome ci è stata fatta ieri dalla protezione civile».

Coronavirus, a Tropea porto e lungomare blindati a Pasqua e Pasquetta

Un pantano da cui non sarà facile uscire, ma che, prima o poi, dovrà registrare dei cambiamenti. Da qualche giorno si parla di Fase 2, una prospettiva a cui l’amministrazione sta guardando già da tempo: «Insieme con l’associazione albergatori stiamo cercando di giocare la carta della destagionalizzazione. Allungare la stagione turistica, cosa che stavamo già facendo, ci potrebbe permettere di tirare un po’ il fiato per poi ripartire alla grande il prossimo anno. Il fatto che la Calabria, almeno per il momento, sia stata toccata di striscio dall’emergenza, potrebbe essere un fattore di vantaggio, e ancor di più Tropea, dove non si registrano casi, potrebbe spingere il viaggiatore a sceglierla proprio per questo».

Coronavirus e turismo, a Tropea la stagione si allunga fino al 15 novembre

E la ricetta di Macrì per risollevarsi è chiara: «Il consiglio che mi sento di dare ai miei concittadini e agli imprenditori è di non farsi trovare impreparati, di tenersi pronti per ripartire. Noi l’abbiamo fatto e lo stiamo facendo, dedicando buona parte della giornata alla gestione dell’emergenza, ma concentrandoci anche su tutte quelle azione che permettano di mantenere l’appeal che appartiene a Tropea e che le permette di essere preferita ogni anno da migliaia di turisti».