Vendita e locazione degli immobili nel Vibonese, ecco tutte le cifre

A Vibo calano i prezzi per gli affitti, stabili quelli per gli acquisti. Tropea la più cara ma non mancano le sorprese per altri paesi
A Vibo calano i prezzi per gli affitti, stabili quelli per gli acquisti. Tropea la più cara ma non mancano le sorprese per altri paesi
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I prezzi degli immobili in vendita in Calabria continuano a scendere e quelli delle locazioni registrano una lieve risalita soltanto in alcuni capoluoghi di provincia. Queste sono le maggiori evidenze emerse dall’ultimo Osservatorio di Immobiliare.it sul settore residenziale calabrese. A marzo 2020 i prezzi richiesti da chi vende casa nella regione, a seguito di un calo dell’1,9% rispetto a dicembre, si sono attestati su una media di 965 euro al metro quadro, mentre i canoni di locazione sono risaliti a 4,79 euro/mq (+0,7% nel trimestre). Se questo è il quadro generale di ciò che sta accadendo nel mercato immobiliare a livello regionale, le situazioni sono diverse se si analizzano i costi delle abitazioni nelle città capoluogo. Partendo dalle compravendite, due città su cinque perdono nell’ultimo trimestre oltre 2 punti percentuali: si tratta di Catanzaro (-2,2%) e Reggio Calabria (-2,5%). I restanti capoluoghi registrano prezzi stabili che oscillano tra il -0,5% di Cosenza e il +0,1% di Crotone. Quest’ultima è anche la città più cara della Calabria con una richiesta media di 1.148 euro al metro quadrato. Vibo Valentia si attesta a marzo 2020 su 888 euro a metro quadro. Per l’acquisto di un immobile a Tropea i prezzi si attestano invece sui 2.018 euro al metro quadro, seguita da Ricadi (1.917 euro a metro quadro), Zambrone (1.911 euro a metro quadro), Parghelia (1.623 euro a metro quadro), Pizzo (1.585 euro a metro quadro), Joppolo (1.310 euro a metro quadro), Briatico (1.195 euro a metro quadro), Drapia (1.040 euro a metro quadro), Ionadi (761 euro a metro quadro), Serra San Bruno (685 euro a metro quadro), Sant’Onofrio (622 euro a metro quadro), Nicotera (483 euro a metro quadro).

Valori negativi a Vibo Valentia (-3,3%), invece, nel comparto delle locazioni nel primo trimestre dell’anno. Vibo e Catanzaro (-3,6%) sono le uniche città della Calabria che fanno registrare delle flessioni nelle richieste di immobili in locazione. Positivi sono invece i valori per le altre città calabresi con Cosenza che registra un +2,1%, mentre Crotone e Reggio Calabria fanno registrare delle locazione stabili. Dando uno sguardo ai prezzi, Crotone resta la città più cara: qui per affittare un bilocale da 70 mq bisogna mettere in conto una spesa di 385 euro al mese, contro i 313 euro che servono in media a Reggio Calabria, la più economica. A Vibo città la media si attesta sui 3,95 euro al mese a metro quadro, mentre resta Tropea il comune della provincia di Vibo con il prezzo di locazione degli immobili più alto: 17,71 al mese a metro quadro. A Ionadi, poi, prezzi medi delle locazioni più alti che a Vibo: 4,88 euro a metro quadro.

Informazione pubblicitaria