domenica,Giugno 20 2021

Imprese in crisi, dalla Camera di commercio di Vibo 350mila euro a fondo perduto

Pubblicato il bando che prevede misure di liquidità a sostegno delle microimprese per la copertura dei costi d’esercizio

Imprese in crisi, dalla Camera di commercio di Vibo 350mila euro a fondo perduto

Sono passati pochi giorni dall’annuncio da parte del Presidente della Camera di commercio di Vibo ValentiaSebastiano Caffo e non si è fatto attendere il bando con i benefici previsti dall’Ente per dare liquidità alle imprese e sostenerle concretamente in questo momento di particolare difficoltà economico-finanziaria conseguente all’Emergenza sanitaria Covid-19.

È stato pubblicato infatti sul sito istituzionale (www.vv.camcom.it), sezione “News”, il bando relativo ad una prima misura di intervento: la concessione di contributi a fondo perduto per la copertura parziale di alcuni costi di esercizio rimasti comunque a carico delle imprese anche nel periodo di sospensione delle attività economiche disposte dai relativi provvedimenti governativi. [Continua]

Nuccio Caffo

La somma complessiva stanziata è di euro 350mila euro di fondi propri, ripartita per settori di attività. L’intervento è rivolto, nello specifico, alle microimprese che hanno subito i maggiori danni economici per sospensione totale dell’attività per come disposto espressamente dal Dpcm del 10 aprile 2020.

Possono candidarsi ai benefici le microimprese che, alla data 23 febbraio 2020, hanno sede legale nella provincia di Vibo Valentia, sono iscritte al Registro Imprese (Rea incluso), e risultano attive ed in regola con il pagamento del diritto annuale.

La domanda di contributo deve essere presentata dalle ore 12 di martedì 12 maggio alle ore 20 di lunedì 25 maggio 2020, esclusivamente secondo le modalità indicate nel bando, pubblicato con a corredo allegati con elenco Codici Ateco di interesse e relativa modulistica.

«Si tratta di una misura importante e prioritaria – afferma il presidente Caffo – per ragioni evidenti: prevede innanzitutto per le imprese contributi a fondo perduto e, di conseguenza, assicura concretamente liquidità per far fronte alle più immediate necessità. Non solo. Si tratta di un primo intervento, parte di un piano più complessivo che prevede, a beneficio di tutte le imprese, stanziamento di ulteriori fondi destinati da un lato ad alleggerire la pressione fiscale e, dall’altro, alla concessione di contributi in conto interessi agganciati alle linee di credito statali garantiti dallo Stato e previsti dal Decreto legge Liquidità. Per questi ultimi – precisa il presidente – abbiamo in corso contatti con gli istituti di credito del territorio, con adesione già della Banca di Credito Cooperativo di San Calogero e di Maierato, per una migliore operatività».

La Camera di commercio di Vibo Valentia per le sue imprese ha così messo in campo complessivamente risorse per 1.050.000 euro in un triennio. «Un impegno finanziario non da poco – sottolinea Caffo – per un Ente di piccole dimensioni, reso possibile grazie ad  una gestione virtuosa delle risorse e alla sensibilità della Giunta e del Consiglio verso il grido di allarme e di sofferenza del sistema produttivo locale, soprattutto a fronte di provvedimenti governativi non sempre tempestivi ed efficaci.

È stato un lavoro di squadra che ha visto coinvolto l’Ente a tutti i livelli anche per accelerare, grazie alla guida del segretario generale e alla dedizione del personale camerale, ogni passaggio amministrativo necessario a rendere operativi per le imprese misure e benefici. Ora più che mai – conclude Caffo – servono, a livello governativo, indicazioni precise e aiuti concreti per riavviare, anche nel nostro territorio, un’economia in ginocchio in tutti i settori strategici – manifattura, commercio, artigianato, agroalimentare, turismo, cultura – e sostenere imprenditori capaci, coraggiosi e volenterosi di ricominciare, non tanto a sperare, quanto a produrre benessere per se stessi, per i propri lavoratori e per la collettività». Di prossima pubblicazione anche il bando sul microcredito.

Emergenza Covid-19, Nuccio Caffo: «Serve cura shock per le imprese»

top