domenica,Giugno 20 2021

Tropea Bandiera blu, associazioni e operatori: «Grande ritorno d’immagine»

La Confcommercio dà merito all’amministrazione comunale, il Cogetur: «Occasione storica per fare rete e rilanciare il settore»

Tropea Bandiera blu, associazioni e operatori: «Grande ritorno d’immagine»
Tropea, immagine panoramica

Ancora attestati di soddisfazione per la Bandiera blu ottenuta da Tropea. A parlare di «orgoglio» è la Confcommercio di Vibo Valentia, che dà merito «all’amministrazione comunale e alla cittadinanza tutta» per avere posto «al centro dei propri interessi l’ambiente e la valorizzazione del territorio». «Ciò che rende maggiormente fieri è che la Bandiera blu, solitamente legata alle acque marine di una località, a Tropea diventa un tutt’uno con un borgo riconosciuto a livello internazionale per la sua bellezza e storia. L’anno scorso anche Confcommercio Calabria centrale Vibo Valentia si è impegnata in prima linea ed è stato grazie all’impegno del presidente della sezione Servizi, Domenico De Lorenzo, che a Tropea è approdato il progetto “Sentinelle del mare”, con lo scopo di salvaguardare l’ambiente monitorando le acque, verificandone lo stato di salute e catalogandone flora e fauna marina, con l’aiuto di cittadini ed operatori di categoria. Un traguardo, quindi, agognato e perseguito con grande impegno, che arriva in un momento storico in cui è necessario più che mai riscoprire le bellezze turistiche del nostro territorio e sostenere un settore, quello del turismo appunto, tra i più colpiti dalla grave crisi sanitaria ed economica che il mondo sta attraversando».

Analoga soddisfazione giunge anche dal Consorzio di operatori turistici di Capo Vaticano, il Cogetur, che per bocca del presidente Antonio Loiacono giudica il riconoscimento ottenuto da Tropea «un ottimo punto di partenza per la rinascita di un territorio e di un settore, quello turistico, in forte crisi a causa del Covid 19. Lo straordinario ritorno di immagine che deriverà dalla bandiera blu a tutto il comprensorio ci porta ad insistere ancora sulla necessità di fare rete e di mettere in campo sinergie territoriali fra imprese e pubblica amministrazione. Questa occasione storica, sia da stimolo per rafforzare lo spirito unitario già emerso in questi giorni di crisi. Va dato atto al nostro amico Giovanni Macrì, sindaco di Tropea, che ha saputo mettere in campo programmi ambiziosi e cura del territorio e questi primi risultati sono molto incoraggianti».

top