Nardodipace, l’ufficio postale avrà presto un Atm. Il sindaco ringrazia

Demasi annuncia l’imminente installazione, ma sollecita l’azienda ad attivare anche uno sportello mobile per andare incontro alle esigenze dei pensionati
Demasi annuncia l’imminente installazione, ma sollecita l’azienda ad attivare anche uno sportello mobile per andare incontro alle esigenze dei pensionati
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Una battaglia (quasi) vinta. Molto presto nel comune di Nardodipace Poste italiane dovrebbe installare un Atm Postamat per l’erogazione automatica di denaro. A darne notizia è il sindaco Antonio Demasi, che parla di un sopralluogo effettuati da alcuni tecnici della società nei locali dell’ufficio postale. «Nel ringraziare Poste italiane per aver accolto con favore la nostra richiesta di fornire un servizio utile per la nostra comunità, ci corre l’obbligo di sollecitare, come già fatto dal prefetto di Vibo Valentia – aggiunge Demasi – l’attivazione di un ufficio mobile di Poste italiane, con funzionamento almeno settimanalmente, soprattutto per soddisfare le esigenze dei pensionati che per ritirare la pensione si devono sottoporre a viaggi estenuanti di diversi chilometri».

Informazione pubblicitaria

Il sindaco, infine, ha tenuto a far presente all’azienda il lavoro «esemplare» svolto dal coordinatore dell’ufficio di Nardodipace, Ivano Idà, «il quale, per tutto il periodo di blocco per l’emergenza coronavirus, è stato non solo presente, bensì, nel rispetto delle norme, ha assolto la sua funzione con amore verso i cittadini-utenti e passione per il lavoro, svolto sempre con professionalità, prodigandosi continuamente per limitare i disagi di quanti si rivolgevano al suo ufficio».